4 Maggio, il calcio commemora il Grande Torino e la tragedia di Superga

Sono passati 67 anni, da quel nefasto incidente aereo che rese immortale nella memoria collettiva il Grande Torino, e oggi, come ogni anno, a Superga si vivranno momenti commoventi ed emozionanti capace di toccare il cuore di migliaia di tifosi del Toro e dello sport italiano in generale.

Questo anniversario del 4 maggio ,che tra l’altro è stato subito dichiarato dalla Fifa come “giornata mondiale del calcio”, tuttavia presenta alcune novità, che renderanno ancora più unico il ricordo delle 31 vittime di quel triste giorno, a cominciare dalle 17.00, l’ora dello schianto, nella Basilica. Per la prima volta infatti il Grande Torino non verrà commemorato solo al Colle, ma anche allo stadio cittadino che ora porta il nome di quella storica compagine capace di vincere 5 scudetti consecutivi a cavallo della guerra, senza dimenticare che presto la casa del Grande Torino risorgerà grazie alla ricostruzione del Filadelfia.

Sarà anche la prima funzione del 4 Maggio senza Don Aldo, purtroppo scomparso alcuni mesi fa, amatissimo dai tifosi e vero e proprio padre spirituale del popolo Granata, genuino e vero uomo di fede che oggi guarderà tutti dall’alto. Sarà don Riccardo Robella a raccogliere tale importante e sentito testimone, e dopo toccherà al capitano Kamil Glik a leggere i nomi dei 31 defunti. Questa sarà la terza volta per il polacco, che sarà come sempre circondato da una fantastica cornice di tifosi di tutte le età e origini. Saliranno a Superga anche i  parenti delle vittime, fra questi per la prima volta il figlio dell’allenatore inglese Leslie Lievesley, e ci sarà naturalmente tutto il Torino FC dalla società ai calciatori. Ultima chicca, oggi la Mole Antonelliana sarà colorata di granata. Il dolore resta, la memoria anche.

Potrebbe interessarti:

About Jacopo Formia 300 Articoli
Studente di Scienze Politiche, più che un tifoso si definisce uno studioso del calcio. Oltre ad essere un modesto tuttologo è anche un Potterhead della prima ora. Sogno nel cassetto: Giornalista sportivo.
Contact: Facebook