Avellino Calcio, Enzo De Vito: “Futuro? Parlerò con la Società”

Ospite degli studi di Linea Verde Sport, programma in onda su Sport Channel 214, il direttore sportivo dell’Avellino Calcio Enzo De Vito ha fatto il punto sulla situazione dei biancoverdi: “È stato un campionato difficile, aldilà degli errori commessi che sono palesi. Con l’addio di Rastelli si è chiuso un ciclo. Soltanto dopo che non hai più una persona capisci la sua importanza, e Massimo era un grande uomo e tecnico. Così come le partenze di Ely, Pisacane e Bittante. Quest’anno sono stati commessi errori, anche in fase di campagna acquisti. Nonostante tutto però siamo rimasti al dodicesimo posto. Ogni direttore si augura di finire ogni anno con una salvezza tranquilla in Serie B, anche se non è quello che ci eravamo prefissati”.

De Vito ha poi proseguito, parlando di Dario Marcolin: “La colpa è sempre del direttore sportivo. Le cose migliori non le fa il ds, le cose peggiori sì. Tesser veniva da un periodo negativo, Dario era uno dei profili che si stavano valutando. Si è cercato di dare una svolta, che purtroppo non c’è stata. La partita di Latina è stata imbarazzante, uno degli spettacoli peggiori da quando sono ad Avellino”.

Sui singoli: “Giron sta facendo molto bene al Melfi, forse non era ancora pronto per la Serie B. Mi aspettavo di più da Pucino, che a Pescara aveva fatto un grande campionato”.

Sul suo futuro: “Mi sono sentito con Presidente, Vice-Presidente e Direttore Generale. Avremo un incontro dopo la partita contro il Cesena. Do per scontato che la società pensa che io debba rimanere, ma non mi è ancora stato comunicato. In quell’incontro valuteremo il futuro, così come il nome del nuovo allenatore”.

Sui nomi che sono stati fatti finora per la panchina biancoverde: “Boscaglia è un ottimo allenatore, viene dalla gavetta così come Toscano. Bisognerà capire anche il budget che avremo a disposizione”.

Potrebbe interessarti:

About Sanji 1720 Articoli
Si dice che Dio crei le pietanze e il diavolo ci metta le spezie... ma forse questo piatto era un po' troppo piccante per te.