Avellino-Pescara 1-3, Taccone: “Contestate, ma con criterio”

Al termine di Avellino-Pescara 1-3, il Presidente dei lupi Walter Taccone ha parlato ai microfoni di Ottochannel. Queste le parole del patron biancoverde: “Le contestazioni ci stanno, capisco i tifosi. Anche io vorrei sempre vincere. Questo è il tifoso vero. Ma ciò che non mi piace sono le contestazioni fuori luogo, il pubblico di Avellino è sempre stato corretto, soprattutto nei confronti dei calciatori. Il tifoso se la può prendere con me, con lo staff tecnico, ma non con i giocatori, perché se i ragazzi continuano a giocare con paura, lontano da ciò che stanno facendo, pensando che al primo errore possono essere contestati, non andiamo da nessuna parte. La squadra c’è, invito i tifosi ad essere più calmi. Sono uscito avvilito dalla sfida contro il Latina, così come stasera. Abbiamo perso sbagliando occasioni da gol incredibili, il loro portiere è stato il migliore in campo, abbiamo preso due pali, siamo stati anche sfortunati”.

Taccone ha poi proseguito: “Vorrei parlare con i tifosi, fargli capire che urlare e contestare ci sta ma non esageriamo. I giocatori hanno avuto una reazione, rispetto a Latina dove non hanno proprio giocato. Cerchiamo di non rompere questo giocattolo, altrimenti sarà complicato scendere in campo anche contro squadre in lotta per la salvezza”.

Su Marcolin: “Mi aspettavo di più, volevo almeno cinque punti ma ne abbiamo preso solo uno. Ma il mister deve avere il tempo di giocare almeno 4-5 partite. Playout? Non sono preoccupato assolutamente, i tifosi stiano tranquilli”.

Potrebbe interessarti:

About Sanji 1468 Articoli
Si dice che Dio crei le pietanze e il diavolo ci metta le spezie... ma forse questo piatto era un po' troppo piccante per te.