Avellino-Pescara, Oddo: “Situazione drammatica”

«Siamo un po’ in emergenza, sia a causa delle squalifiche che per gli infortuni.» Esordisce così il mister del Pescara, Massimo Oddo, che, in conferenza stampa, si è ritrovato a fare il punto della situazione, dovendo gestire tante assenze (Campagnaro, Coda, Torreira, Benali, Zuparic, Mazzotta e Crescenzi) in vista della partita di venerdì sera contro l’Avellino di Marcolin.

«La situazione è drammatica. Chiaramente ad Avellino mi dovrò inventare qualcosa. Mandragora ha fatto benissimo in difesa e dovrei confermarlo. Non credo di spostarlo a centrocampo e schierare un Primavera in difesa. Non ritengo che questi siano pronti fisicamente. Forse solo Ventola è uno di quelli pronti sotto tutti i punti di vista».

Un Pescara sfortunato che, dopo la vittoria contro il Como (2-1 per il Delfino), si gioca il tutto per tutto per l’accesso ai play-off, nonostante il bollettino medico non sia dei migliori: «La vittoria ha aiutato sia la classifica che il morale ed era da un po’ che non succedeva. Purtroppo il campionato di B è molto difficile, ma da un momento all’altro ci si può riprendere. Nonostante tutto siamo ancora lì, a pochi punti dal terzo posto. Non esiste un calendario facile o difficile, perché da qui alla fine ci saranno solo tanti scontri diretti»

Un Oddo che vuole approfittare del momento negativo dell’Avellino per poter tornare a casa con i tre punti: «L’Avellino è una squadra molto più esperta di noi ed ha giocatori di categoria; ha avuto sicuramente qualche difficoltà quest’anno e soprattutto qualche punto in meno, occupando una posizione di classifica che non rispecchia di certo il valore della rosa. Credo che puntasse forte sui play-off ad inizio stagione. Ma ha un momento di difficoltà e non è detto che non riesca a riprendersi in tempo. Ad Avellino si può vincere o perdere, ma ci si può trovare sempre nella stessa posizione. Anzi, in questo momento è più difficile scontrarsi con le ultime, che stanno con l’acqua alla gola»

L’ex difensore di Lazio e Milan ha poi speso anche qualche parola per Benali, squalificato per ben 4 turni dal giudice sportivo, in virtù della rissa che lo ha visto protagonista la settimana scorsa: «Serviranno lucidità e calma. Nell’ultima partita ci sono state delle provocazioni e noi abbiamo abboccato. Riguardando le immagini Benali è indifendibile. Mi ha chiesto scusa per quello che ha fatto.»

Potrebbe interessarti anche:

About Antonia De Falco 57 Articoli
Classe '96. Studentessa in Scienze della Comunicazione, appassionata di giornalismo, viaggi e da sempre grande amante di calcio e dell'Irpinia.