Bari-Modena, Valiani: “Dobbiamo vincerle tutte”

“Se vogliamo dare il massimo, non ci possiamo fermare. I tre punti devono diventare una bellissima abitudine”. Queste le prime parole di Francesco Valiani sul momento che sta vivendo lui insieme ai suoi compagni, prima di Bari-Modena.

In vista della partita di questo pomeriggio contro i canarini, il numero 29 dei biancorossi dice “Sarà una partita delicata. Non dobbiamo mai dare nulla per scontato. In Serie B non esistono partite facili e meno facili. I punti bisogna conquistarseli.  Il Modena è una squadra che vuole rimanere in questa categoria, ma noi dobbiamo assolutamente vincere. Se vogliamo centrare il nostro obiettivo, dobbiamo in tutti i modi continuare a vincere,facendola diventare la nostra bellissima abitudine, anche perché quando si vince si sta meglio”.

Valiani è tra quei calciatori che nel Bari si è reso protagonista fin da subito, anche se ci sono stati momenti in cui sembrava non essere il centrocampista a cui eravamo abituati. Spiega così il suo momento poco brillante:” Nel nostro lavoro ci sono momenti in cui va tutto per il meglio e altri un po’ meno. Il mio è stato più un problema più fisico che mentale. Ho saltato anche alcuni turni per via dell’influenza, piccoli intoppi che portano via del tempo per rimettersi in forma. In modo particolare soprattutto a me , non  ha aiutato il caldo fuori stagione”.

Tornando indietro, ricordiamo un Bari che a Dicembre ha fatto pochi punti, che stava compromettendo la posizione in classifica, ma per fortuna ultimamente c’è stata una rinascita: ” Dicembre è stato il mese terribile con quattro sconfitte su cinque partite. Questi risultati per una squadra come la nostra, sono stati un gran problema e ne abbiamo risentito anche alla ripartenza del campionato a gennaio. Questa è una squadra che ha delle grandi potenzialità sin dal primo giorno, lo abbiamo dimostrato, quindi è cambiato anche il nostro modo di vedere le cose, abbiamo iniziato un periodo di maturazione che sta portando i suoi risultati. Abbiamo capito di essere una squadra competitiva”.