Bari-Modena, Vincere per Spiccare il Volo

Tre punti con il Modena per confermare il terzo posto in classifica. È questa la missione del Bari che si prepara alla sfida del San Nicola di sabato pomeriggio che sarà seguita ancora una volta dal nuovo socio di maggioranza, Datò Noordin, che si sta rivelando un autentico portafortuna. Guardando al campo, ciò che è emersa in queste ultime partite è la grande voglia di lottare del gruppo per conquistare l’intera posta in palio, unita ad una ritrovata solidità difensiva.

Nell’ultima trasferta di Ascoli si è vista infatti una squadra non impeccabile dal punto di vista offensivo, ma quanto mai concreta e capace di soffrire e stringere i denti nei momenti di difficoltà; a questo punto della stagione le vittorie valgono doppio ai fini di una classifica che vede il Bari stabilmente in terza posizione, davanti a un sorprendente Trapani che sta disputando un campionato straordinario e al Pescara che si è confermato quanto mai competitivo in quel di La Spezia, trascinato da un super Lapadula. Sarà fondamentale per la squadra biancorossa mantenere il terzo posto fino alla fine del campionato, visti i vantaggi che ciò comporterebbe ai play-off, dato che ormai Crotone e Cagliari si possono considerare irraggiungibili e attendono solo che la matematica decreti il loro passaggio in serie A.

Con la vittoria di Ascoli, il Bari di Camplone ha elevato ancor di più la propria media punti nel girone di ritorno (1.75) superando quella raggiunta con Nicola nel girone d’andata (1.66); a ciò ha contribuito indubbiamente il cambio di passo in trasferta, in cui il Bari viene da quattro vittorie consecutive (Novara, Salernitana, Livorno e Ascoli) e se vincerà a Perugia eguaglierà le 5 centrate nella stagione 2013/14 dai ragazzi di Alberti e Zavettieri (Trapani, Varese, Padova, Ternana e Carpi).

Dopo la sconfitta con l’Entella, Camplone ha saputo toccare le corde giuste nei suoi giocatori che hanno avuto una reazione importante: 6 vittorie ed un pareggio nelle ultime 7 partite, 19 punti conquistati sui 21 disponibili e balzo in classifica al terzo posto. Alla risalita hanno certamente contribuito il rilancio di Romizi a centrocampo e un ritrovato Sansone in attacco, oltre a Dezi arrivato nel mercato di gennaio che si è fin da subito rivelato un innesto fondamentale, calandosi alla perfezione nella realtà barese e i 5 gol siglati fino a questo momento ne sono l’evidente dimostrazione. Ma come detto in precedenza è la solidità difensiva che sta crescendo in maniera esponenziale con il portiere Micai in grado di dare sicurezza ai propri compagni con le sue parate e la coppia difensiva formata da Tonucci e Di Cesare che ha trovato grande affiatamento e ha permesso al Bari di subire un solo gol nelle ultime 4 partite.

Con questi requisiti si è autorizzati a sognare in grande a patto di crescere ulteriormente e migliorare ancora di più dal punto di vista del gioco. Prossimo avversario del Bari sarà il Modena di Bergodi (a cui il Bari aveva pensato per il dopo Nicola) che naviga nei bassifondi della classifica. La probabile formazione vede il solito 4-3-3 con Micai in porta, Tonucci – Di Cesare confermatissima coppia centrale, ballottaggio per il ruolo di terzino destro tra Donkor e Defendi, mentre a sinistra dovrebbe rientrare Gemiti. A centrocampo tornerà dopo la squalifica Marco Romizi, con ai suoi lati Dezi e Valiani.

In attacco Rosina e Maniero sono sicuri di un posto, per il restante dubbio tra Sansone e De Luca con quest’ultimo che scalpita per tornare in campo da titolare dopo più di un mese dall’ultima volta. Arbitrerà l’incontro il sig. Riccardo Ros.

Potrebbe interessarti: