Basket, Coppe Europee 2016-17: FIBA Champions League o Eurocup?

Come ormai tutti sanno il basket europeo è nel caos a causa dello scontro tra FIBA e ULEB relativamente alla gestione delle coppe europee che si disputeranno dalla prossima stagione. In teoria sia Baumann che Bertomeu dovrebbero organizzare due coppe: Champions League ed Europe Cup la FIBA, Euroleague ed Eurocup l’ULEB. Ma al momento il quadro è tutt’altro che chiaro, visto che la FIBA ha intimato alle federazioni nazionali di convincere (con le buone o con le cattive, leggasi “esclusione dai campionati nazionali”) le proprie società affiliate a non onorare il contratto relativo alla licenza triennale per prendere parte all’Eurocup, pena non solo l’esclusione delle rispettive nazionali dalle competizioni FIBA (tra cui i tornei preolimpici della prossima estate ed EuroBasket 2017), ma anche possibili ritorsioni sul voto alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024. Nessuna pressione invece per quanto riguarda le licenze valevoli per l’Euroleague.

Al momento quindi gli scenari possibili sembrerebbero 2: o le acque si calmeranno e ogni società sarà libera di decidere a quale competizione partecipare, o le destinatarie delle licenze per l’Eurocup saranno costrette a rinunciarvi.

Nel primo caso l’Italia si ritroverebbe con ben 10 squadre qualificate per la prossima stagione (per semplificare il tutto considereremo la classifica attuale, ma ovviamente quella che conterà ai fini della qualificazione sarà la graduatoria al termine dei playoff):

  • Milano (Euroleague, licenza decennale)
  • Reggio Emilia, Sassari, Trento (Eurocup, licenza triennale)
  • Cremona, Avellino (Champions League, 2 posti per l’Italia)
  • Pistoia (Qualification Round per la Champions League, 1 posto)
  • Venezia, Brindisi, Scafati (Europe Cup, 2 posti più 1 per la vincente della Coppa Italia di A2)

Nel caso in cui, invece, la FIBA riuscisse nel suo intento di far tornare Reggio, Sassari e Trento sui propri passi, la situazione diventerebbe questa:

  • Milano (Euroleague, licenza decennale)
  • Reggio Emilia, Cremona (Champions League, 2 posti)
  • Avellino (Qualification Round per la Champions League, 1 posto)
  • Pistoia, Venezia, Scafati (Europe Cup, 2 posti più 1 per la vincente della Coppa Italia di A2)

Senza dimenticare che se Trento dovesse portare a casa l’Eurocup disputerebbe l’Euroleague, e che Varese in caso di vittoria dell’Europe Cup potrebbe qualificarsi per la Champions League, o ottenere una wild card per il QR. Se si verificasse quest’ultima ipotesi le italiane nelle coppe potrebbero quindi diventare addirittura 11.

Saranno quindi almeno 7 nella prossima stagione le squadre a portare il tricolore in giro per l’Europa. Per il momento non ci resta che aspettare poco più di una settimana, dato che entro il 31 marzo si saprà quali squadre confermeranno l’accordo con l’ULEB.

Potrebbe interessarti: