Conferenza Stampa Piloti GP Russia, Rosberg: “Macchina in buone condizioni”

Si è svolta, nel pomeriggio, la conferenza stampa dei piloti alla vigilia del Gran Premio di Russia, quarto appuntamento stagionale del mondiale di Formula Uno. Si sono presentati dinanzi ai microfoni dei giornalisti Jenson Button, Nico Rosberg, Sergio Perez, il pilota di casa Daniil Kvyat, Felipe Nasr ed Esteban Gutierrez.

Queste le dichiarazioni rilasciate dai protagonisti a margine del GP di Sochi:

Kvyat: “La macchina è in buone condizioni e ben si adatta a tracciati come questo. L’anno scorso non siamo andati bene qui, ma cercheremo di fare il massimo. Per quanto riguarda quello che è successo in Cina in partenza, tutto ha confermato quello che ho sostenuto io: ognuno ha il diritto di esprimere le proprie opinioni, ma credo di aver fatto quello che avrebbero fatto tutti gli altri piloti. Ora non dobbiamo più pensarci e concentrarci sulle prossime gare”.

Rosberg: “Non voglio esaltarmi troppo dopo questo avvio di stagione: mi aspetto che Lewis e la Ferrari reagiscano, con le Rosse che hanno ancora mostrato tutto il loro potenziale. Nell’ultima gara si colpiti al via ma, nonostante ciò, sono stati molto veloci. Io, finora, ho guidato bene, ma in realtà i miei avversari hanno sbagliato le partenze- Non mi sento solo, perché ho il team alle spalle: essendo questo uno sport di squadra, non posso pensare di fare risultati senza da solo. In più ho la mia famiglia, i miei amici, il mio manager”. Sulla strategia che adotterà il team della Mercedes non si “sbottona” più di tanto: “Non credo che la gara sarà emozionante come quella in Cina, ma la prima curva è idelle per i sorpassi”.

Domenica, Perez correrà il centesimo gran premio in carriera: “Non è un peso, ma un’esperienza piacevole, ed è bello sapere che guidi una macchina che potrebbe darti la possibilità di vincere, anche se dobbiamo capire dove siamo rispetto ai nostri avversari. Ricordo la gara dell’anno scorso, è stato un trionfo per la squadra. Spero che vada bene domenica, visto che sarà la mia 100esima. In queste prime gare siamo state condizionate dalle strategie, e non abbiamo raggiunto la posizione che meritavamo visto il pass che avevamo. Anche se abbiamo ancora 0 punti, credo che potremo cambiare il nostro andamento”. Sulle strategie: “Potremo strategie diverse grazie alla mescola in più e per questo sarà uuna gara interessante”.

Nasr: “Utilizzerò un nuovo telaio, ma ci sono anche altri pezzi. E’ un passo per capire i problemi della vettura, che si comportava in maniera strana e imprevedibile. Non siamo ancora risaliti ad una causa precisa, ma quando la macchina è tornata in fabbrica, abbiamo verificato ogni dettaglio e messo la x su questa casella. Non credo che ci saranno tante emozioni come a Shangai, ma ci sono le incognite sulle soste e le mescole”.

Gutierrez: ”E’ stato positivo chiudere una gara, ma voglio di più. La macchina non si adattava alla pista in Cina, ma ora speriamo di recuperare. L’anno passato al simulatore non ha cambiato il mio approcio, ma ha avvantaggiato la mia conoscenza delle piste e dei punti di riferimento: volevo trarre conclusioni positive da quell’esperienza”. Sulle strategie per domenica: ”Spero che avremo più variabili e più soste”

Button: “Le ultime gare sono state difficili e non abbiamo messo in mostra il nostro potenziale, ma in Cina sia che Fernando abbiamo concluso la gara ed è un passo in avanti. Siamo andati vicini a qualificarci per la Q3. Gli aggiornamenti aerodinamici ci permetteranno di migliorare. Ancora non riusciamo a capire quale il vero potenziale del motore Honda: l’erogazione ci soddisfa, ma la potenza ancora no. Mi sono trovato con i V10. Le cose, però, sono cambiate, la tecnologia è aumentata, ma credo che la F1 possa tornare bella come lo era un tempo”.