Io Penso Che… Due Chiacchiere con Rino Scioscia – 28 dicembre 2016

Ci siamo riposati un po’, è festa anche per noi di albarsport.com. Con un po’ di ritardo arriva l’editoriale del direttore Rino Scioscia, nella consueta rubrica “Io Penso Che… Due Chiacchiere con Rino Scioscia”.

Vittoria nel derby sofferta e indispensabile. Tre punti che, visti gli altri risultati, diventano fondamentali. L’ha vinta Novellino?

“Vittoria di valore inestimabile, e certamente non solo per motivi di campanile: tre punti fondamentali, senza i quali ora l’Avellino sarebbe sicuramente a rischio retrocessione. Con questo successo, i Lupi restano saldamente nel folto gruppone delle pericolanti, e possono continuare a giocarsela alla pari con le altre. La partita ha avuto un andamento in qualche modo diverso rispetto alle altre tre gare della gestione Novellino. La sfida è stata equilibrata, ma l’Avellino è stato, almeno per una volta, più cinico dell’avversario, colpendolo nei suoi punti deboli: le palle inattive e la transizione negativa. Tuttavia, anche l’Avellino ha continuato a mostrare i propri difetti (che Novellino, con il tempo, dovrà necessariamente cercare di eliminare): soprattutto il “braccino corto” del tennista, o più semplicemente, la spasmodica paura di vincere, che non è affatto scomparsa, pur con una situazione ad inizio ripresa assolutamente propizia: doppio vantaggio e superiorità numerica. Se l’ha vinta Novellino, non so dirti, anche perchè io guardo soprattutto ciò che combinano i veri protagonisti, che restano pur sempre i calciatori. Di certo, Monzon ha predeterminato le condizoni, anche mentali, affinchè i suoi ragazzi riuscissero a portare a casa tre punti d’oro”.
Cosa ti aspetti dal mercato. I nomi fatti finora dai giornali sono attendibili secondo te?
“I nomi fatti dai colleghi non li guardo neppure, non per una mancanza di stima nei confronti di coloro che si lanciano in queste notizie, ma semplicemente perchè il valzer di voci fa parte del periodo di mercato, lascia il tempo che trova, il più delle volte è veicolato da coloro che hanno interesse. A me interessa che l’Avellino non “buchi” i rinforzi, nel senso che gli operatori di mercato biancoverde riescano a portare all’ombra del Partenio-Lombardi calciatori, uomini veri e calciatori motivati, e soprattutto siano funzionali alle esigenze tecnico-tattiche di Novellino. Senza fare nomi, occorrono almeno 4 calciatori: due esterni di difesa e due centrocampisti che siano in grado fare assai bene sia la fase di possesso che l’interdizione. Dovranno essere necessariamente calciatori di categoria e di esperienza, altrimenti l’Avellino avrà serie difficoltà a risollevarsi. Speriamo bene.”.
Cosa bisogna aspettarsi dal nuovo anno.
“Intanto speriamo che i Lupi chiudano bene questo disgraziato 2016 con un risultato positivo a Latina, anche se non sarà facile perchè i Pontini sono strutturati abbastanza bene. Per quanto riguarda il 2017, mi auguro e spero che Novellino riesca a far fare ai biancoverdi ciò che ha sempre dimostrato di saper ottenere con le altre squadre che ha allenato nella sua lunga carriera: ottimi gironi di ritorno, spesso anche vincenti. Sono convinto che, alla lunga, la grande esperienza di Monzon (che in questa serie B non è inferiore a quella di nessun altro suo collega) riesca a fare il miracolo della salvezza dei Lupi. Anzi, a pensarci bene, non sarebbe neppure un’impresa clamorosa, considerato che il patrimonio tecnico di questa cadetteria si sta depauperando anno dopo anno“.

LEGGI TUTTI GLI EDITORIALI DEL DIRETTORE SCIOSCIA

About Rino Scioscia 33 Articoli
Giornalista per passione. Il suo primo pezzo sui Lupi uscì nel lontano 1975, sulle pagine del settimanale "Irpinia Sport". Successivamente ha collaborato con TeleAvellino nei primi anni ottanta. Diversi anni dopo sono arrivate le collaborazioni con "AvellinoFans", con Il "Corriere del Pallone", "TuttoLega Pro", "TuttoAvellino" e l'attuale "Giornale dell'irpinia", che ha fondato e dirige. Diverse anche le collaborazioni e le trasmissioni televisive cui ha partecipato in varie emittenti campane.Ha curato tre libri: "Avellino, un amore infinito", "I ragazzi del '72" e "Lupi per Sempre"
Contact: Facebook