Italia-Svezia, Conte: “Stiamo bene, ci saranno pochi cambi”

Alla vigila della delicatissima sfida con la Svezia di Zlatan Ibrahimovic, ha parlato ai microfoni di Sky Sport il ct dell’Italia Antonio Conte, che ha fatto il punto sulla situazione psico-fisica dei suoi: “Stiamo bene, la squadra si è allenata ed è pronta ad affrontare questo importante appuntamento, che potrebbe consentirci di passare il turno in anticipo. Dovremo essere bravi e concentrati nel corso dei 90 minuti, dando continuità alla vittoria con il Belgio”.

Il pericolo numero uno sarà senza dubbio il numero 10 della Nazionale di Hamren: “Ibrahimovic è un fuoriclasse assoluto, sposta gli equilibri in ogni squadra in cui gioca e li ha spostati spesso nella nostra Serie A. Lo conosciamo bene e sappiamo che può farci male alla prima occasione utile, quindi dovremo essere bravi a difendere con ordine e senza sbavature come contro il Belgio”.

Per quanto riguarda le scelte di formazione il tecnico leccese ha aggiunto: “Nella prima partita abbiamo giocato con ordine e qualità, superando un ostacolo molto difficile e portando a casa i primi tre punti. Ora non dobbiamo montarci la testa e giocare con un fuoco interiore non indifferente, quel fuoco che c’ha permesso di correre per 90 minuti lunedì. Cambi di formazione? Sicuramente non ce ne saranno tanti perchè la squadra sta bene e siamo solo alla seconda partita della fase a gironi”.

L’opinione pubblica sostiene che sarebbe addirittura meglio arrivare secondi nel gruppo E, ma Conte non può certo essere d’accordo: “Penso che parlare di queste cose sia ridicolo, a noi interessa raggiungere il nostro primo obiettivo. Vogliamo arrivare agli ottavi di finale, magari già domani, quindi dobbiamo pensare solo e soltanto a questo. Se vuoi vincere una competizione così importante devi sapere che affronterai, prima o poi, le Nazionali più forti”.

Potrebbero interessarti:

Italia-Svezia: Probabili Formazioni e Pronostico

About Pietro De Conciliis 538 Articoli
Nato ad Avellino nel 1996, frequenta la Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno e collabora da circa due anni con diversi siti sportivi. Il calcio e l'Avellino sono da sempre le sue più grandi passioni, a tal punto da seguire i Lupi in casa e in trasferta.