Juventus-Atalanta 3-1, Allegri: “Mandzukic giocatore straordinario, bene Pjanic”

Foto Allegri allenatore Juventus

Un Massimiliano Allegri decisamente soddisfatto al termine di Juventus-Atalanta, partita vinta 3-1 dai campioni d’Italia grazie ai gol di Alex Sandro, Rugani e Mandzukic, autore di una prestazione al limite della perfezione: “Sono molto contento della prestazione dei ragazzi, ma soprattutto di aver trovato la vittoria dopo la batosta di Genova, dove avevamo passato una mezzora da incubo. Abbiamo reagito bene, ma ne ero sicuro già in settimana che la squadra avrebbe fatto bene”.

La coppia d’attacco ha lavorato benissimo anche in fase di non possesso: “Durante gli allenamenti Higuain e Mandzukic hanno lanciato segnali importanti, cercandosi continuamente e facendo bene i due movimenti, venendo incontro e andando in profondità per allungare la squadra. La ‘doppia parata’ di Mario? Lui è un giocatore di spessore, vogliamo sempre vedere questo Mandzukic, lui è un tipo generoso e quando è in giornata fa cose straordinarie. La botta al ginocchio? Pensavo fosse una distorsione, invece è semplicemente una brutta contusione dettata da una tacchettata. Bene Mario, ma non voglio dimenticare Gonzalo, che avrebbe potuto segnare in altre occasioni, così come altri suoi compagni”.

Miralem Pjanic in posizione di trequartista ha impressionato positivamente il pubblico dello Stadium: “In quel ruolo Mire è più libero di svariare e illuminare con le sue giocate, oggi ha fatto una buona partita e ha sbagliato molto meno sotto l’aspetto tecnico. Pjanic e Dybala in tandem alle spalle di Higuain in futuro? Sono giocatori con caratteristiche ben precise e non sarebbe una novità vedere Mire e Paulo sulla trequarti. Quando tornerà Dybala recupereremo un giocatore molto importante e non è escluso che in futuro possa esserci la possibilità di giocare a tre davanti, con Paulo insieme a Mandzukic e Higuain”.

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DI JUVENTUS-ATALANTA

About Girolamo Zampa 1393 Articoli
Nasce a Prato nel 1990, frequenta la facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Firenze. Il calcio è da sempre la sua passione, ma gli piace rimanere informato anche su tutti gli altri sport.