Lione-Juventus, Allegri: “Peccato per Mandzukic, faremo una grande partita”

Foto Allegri allenatore Juventus

A poco più di 24 ore dal calcio d’inizio di Lione-Juventus, è intervenuto in conferenza stampa l’allenatore dei campioni d’Italia, Massimiliano Allegri, che ha innanzitutto fatto il punto sui diversi giocatori infortunati e rimasti a Torino: “Non posso far altro che giocare con quelli che ho a disposizione, nella speranza di recuperare quanto prima tutti i giocatori infortunati. Mandzukic purtroppo si è fermato in mattinata per un problema muscolare e speriamo non sia niente di lungo, mentre Chiellini e Marchisio stanno completando il loro percorso riabilitativo e abbiamo preferito non rischiarlo”.

Il tecnico bianconero ha poi parlato dell’avversario che i suoi ragazzi andranno ad affrontare: “In ogni caso davanti abbiamo Kean che è un ragazzo bravo, Cuadrado che fa l’attaccante e quindi sono sicuro che faremo una grande partita, consapevoli di andare ad affrontare una squadra noiosa come il Lione, che in casa gioca in maniera diversa rispetto a come gioca in trasferta. Sarà una gara difficile per entrambe le squadre”.

A far paura sono soprattutto Fekir e Lacazette: “Loro puntano molto sulle ripartenze e sulla velocità di questi due giocatori, molto bravi tecnicamente e quindi dovremo stare molto attenti a non subire determinate situazioni”.

Gli addetti ai lavori hanno più volte criticato il gioco della Vecchia Signora: “In Serie A ci sono squadre che giocano molto bene, che stanno facendo punti e quindi dobbiamo essere bravi a rimanere concentrati, sapendo di avere davanti altre trenta giornate di campionato. Noi lavoriamo per giocare sempre meglio e cercare di arrivare in fondo a tutte le competizioni, perchè abbiamo una squadra importante e in grado di competere con tutti. A volte, però, ci sono squadre che ci fanno giocare peggio, ma alla fine conta il risultato finale”.

In mediana Hernanes sembra aver trovato la sua dimensione ideale: “Ho a disposizione giocatori con caratteristiche molto diverse a centrocampo. Hernanes ha un buon piede, ha lavorato molto per interpretare al meglio quel ruolo e al momento ci sta dando ottime garanzie. Lemina è un ragazzo molto bravo, ordinato in mezzo al campo e di prospettiva, mentre Marchisio ha più esperienza e non lo scopro certo io, è un grande giocatore e spero di averlo a disposizione al più presto”.

About Pietro De Conciliis 590 Articoli
Nato il 26 dicembre 1996, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione (ramo Editoria) dell'Università degli Studi di Salerno (Fisciano). Aspirante giornalista e uno dei quattro amministratori di albarsport.com.