Milan-Juve (Finale Coppa Italia), Brocchi: “Daremo tutto, vogliamo vincere”.

È terminato poco fa l’incontro con la stampa di Cristian Brocchi, utile per comprendere le mosse dell’allenatore rossonero prima della finale di Coppa Italia di domani sera contro la Juventus. Sarà una sfida molto importante per il Milan, che dopo una stagione fallimentare avrà l’occasione per riscattarsi portando a casa un trofeo che vorrebbe significare l’accesso all’Europa League.

Brocchi ha commentato così il valore di questa partita: “È sempre bello giocare una finale, non è una cosa che capita tutti i giorni e le parole del Presidente prima della gara ci hanno motivato parecchio. Sappiamo di avere di fronte a noi la squadra più forte d’Italia, ma sono sicuro che giocando con una grande determinazione riusciremo a metterli in difficoltà e magari a vincere la partita. Portare a casa la Coppa non salverebbe tutta la stagione che comunque è andata storta, però contribuirebbe a portare un pò di gioia nei cuori di tutti i nostri tifosi che in questi anni hanno sofferto parecchio nel vedere la loro squadra fuori da ogni competizione. Dal canto mio sono molto emozionato e non vedo l’ora che la partita inizi, come dicevo prima non sarà facile battere questa Juve, ma dobbiamo cercare di aiutarci l’uno con l’altro, insomma bisogna giocare per la squadra e non pensare ognuno al proprio orticello, altrimenti sarà veramente dura“.

Non sono mancate alcune dichiarazioni riguardanti la formazione che scenderà in campo, soffermandosi in special modo sulle condizioni di Niang: “Mbaye si è allenato con la squadra per due settimane ma non partirà titolare, non ha ancora i 90 minuti nelle gambe, in ogni caso potrebbe essere schierato a partita in corso nel caso in cui dovessimo avere bisogno di lui. In attacco ci sarà spazio per Bacca, giocatore che quest’anno ha fatto benissimo e sono sicuro che domani potrà essere decisivo, non è la prima volta che gioca una finale, quindi riuscirà molto bene a reggere la pressione del match. Sono sicuro che anche Donnarumma, nonostante la giovane età, sarà in grado di gestire l’emozione e sopportare tutto con estrema freddezza. In settimana ho avuto anche modo di notare l’atteggiamento di alcuni giocatori, ed ho intravisto uno sguardo diverso, si sono allenati bene e se hanno qualcosa da tirare fuori domani è l’occasione giusta per farlo“.

POTREBBE INTERESSARTI

About Mattia Capaldo 122 Articoli
Studente di Scienze della Comunicazione,tifoso rossonero da sempre.