Milan-Juventus 1-2, Allegri: “Partita difficile, bella reazione”

Foto Allegri allenatore Juventus

Massimiliano Allegri si è presentato ai microfoni di Sky Sport per commentare la super sfida di San Siro, vinta dai suoi per 2-1 contro un Milan gagliardo, calato nel finale di gara: “Devo fare i complimenti ai ragazzi perché non era e non è stata una partita facile. Merito al Milan per la grande partita che ha fatto, dopo una settimana di ritiro, c’ha messo in difficoltà soprattutto nei primi minuti, pressandoci e non facendo giocare Marchisio e Bonucci. Dopo la mezzora abbiamo cominciato a giocare con criterio, procurandoci un paio di situazioni favorevoli e trovano la via della rete. Potevamo chiudere già il primo tempo in vantaggio con Lichtsteiner, ma poi la squadra è stata brava a rientrare concentrata e a soffrire quando c’era da soffrire”.

Buffon ha deciso con le sue parate il big match di questa sera, senza dimenticare la grande prestazione di tutto il reparto difensivo: “Abbiamo finito gli aggettivi per Gigi. Dopo lo straordinario record messo a segno, ha trovato il tempo per fare un altro paio di miracoli, aiutando la squadra e tenendoci a galla nel corso di una partita molto complicata. Rugani? Sta crescendo, credo molto in lui. In quel ruolo ho anche Evra, esperto e capace di interpretare il ruolo di centrale sinistro, così come a Monaco di Baviera. Barzagli e Bonucci hanno aiutato molto Rugani nella sua crescita e la squadra non può fare a meno di certe colonne”.

Lotta Scudetto che comincia a complicarsi per il Napoli di Sarri: “Stasera andiamo a dormire con 9 punti di vantaggio, ma domani potrebbe ripresentarsi la medesima situazione, quindi dobbiamo rimanere nel pezzo e chiudere quanto prima il discorso. Io non dimenticherei la Roma, perché se le vince tutte e noi falliamo qualche appuntamento ha ancora la possibilità di vincere lo Scudetto. Il nostro ritmo è insostenibile? Non lo so, non mi riesco a mettere nei panni delle inseguitrici. Il Napoli se arriva secondo non deve considerarsi inferiore o considerare la sua stagione un fallimento, ha una media punti altissima”.

Potrebbero interessarti:

Pogba: “Buffon è un grande”

Milan-Juventus 1-2: le Pagelle dei Bianconeri

About Pietro De Conciliis 552 Articoli
Nato ad Avellino nel 1996, frequenta la Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno e collabora da circa due anni con diversi siti sportivi. Il calcio e l'Avellino sono da sempre le sue più grandi passioni, a tal punto da seguire i Lupi in casa e in trasferta.