Milan-Juventus, Allegri: “Dybala non convocato”

Giornata di conferenza stampa in casa Juventus, con Massimiliano Allegri che ha presentato allo Juventus Center il big match con il Milan, anticipo serale della trentaduesima giornata di Serie A: “E’ una sfida particolare per me, perché a Milanello ho passato tre anni e mezzo meravigliosi, vincendo il mio primo Scudetto da allenatore. Ora sto vivendo il mio secondo anno con la Juventus, dopo una prima stagione straordinaria, e voglio conquistare i due obiettivi a disposizione”.

Secondo molti, la vittoria casalinga con l’Empoli ha archiviato il discorso Scudetto: “Noi non abbiamo vinto ancora nulla. Domani ci giochiamo davvero un pezzo di Scudetto e per vincere bisogna fare una grande prestazione, senza pensare alla classifica e alle diverse voci di questa settimana. Vedo che si parla solo di secondo posto, ma domani affrontiamo una squadra che deve centrare l’Europa League e scaricherà in campo tutte le energie nervose al termine di una settimana di ritiro”.

Dubbi di formazione ancora da sciogliere: Rugani, salvo imprevisti, giocherà dal primo minuto, perché ha acquisito sicurezza, ha personalità ed è pronto per giocare una partita così importante. Dybala? Sta molto meglio ma non è convocato. Mercoledì dovrebbe rientrare con la squadra ed essere al top per il rush finale. Le sue sensazioni non mi lasciavano tranquillo e ho preferito lasciarlo a casa. L’attacco? Non è detto che giochino Morata e Mandzukic, vi ricordo che c’è anche Zaza, in grande crescita”.

Settimana tormentata, durante la quale il popolo napoletano si è lamentato più volte delle decisioni arbitrali: “Quando succedono certe cose, in Italia sappiamo come va a finire, ci sono sempre tante polemiche. Io non commento le decisioni arbitrali, penso solo che oltre all’arbitro ci siano altri due collaboratori vicino alla porta, insieme ai guardalinee, quindi ci sono più occhi per valutare un episodio”.

Potrebbero interessarti:

Buffon: “Rispetto il Milan, ma giocheremo senza paura”

Marotta: “La nostra Primavera è un vanto”

About Pietro De Conciliis 538 Articoli
Nato ad Avellino nel 1996, frequenta la Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno e collabora da circa due anni con diversi siti sportivi. Il calcio e l'Avellino sono da sempre le sue più grandi passioni, a tal punto da seguire i Lupi in casa e in trasferta.