Morto Cruyff, Capello: “Il più grande giocatore europeo della storia”

E’ un giorno triste per il mondo del calcio, che ha perso, intorno alle ore 13.30, un campione come Johan Cruyff, assoluto protagonista tra gli anni ’60 e ’80 con le maglie di Ajax, Barcellona e la casacca della Nazionale olandese, arricchendo il suo palmares con tantissimi trofei.

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Fabio Capello, allenatore del Milan all’epoca della storica finale di Coppa dei Campioni tra i rossoneri e il Barça (4-0), ha descritto le emozioni provate nell’affrontare un fenomeno di tale caratura: “Nella mia carriera ci sono due giocatori che mi hanno impressionato per le loro movenze e le loro giocate: Bobby Charlton e Johan Cruyff. Posso dire che l’olandese è il più grande giocatore europeo della storia, perché ha portato delle novità nel mondo del calcio, sia da giocatore che da allenatore, quindi possiamo dire che è sempre stato avanti rispetto ad altri atleti”.

Dopo aver chiuso il capitolo legato al fuoriclasse, morto prematuramente per via di un cancro ai polmoni (alla tenera età di 68 anni), l’ex ct di Inghilterra e Russia ha detto “no”, per l’ennesima volta, a un’eventuale incarico sulla panchina della Nazionale italiana, per il dopo Conte: “Non devo parlare con nessuno, né tantomeno con Tavecchio. Ho più volte detto che non mi interessa allenare una Nazionale, nonostante sia per me un onore essere accostato all’Italia. Io irremovibile? Non cambierò idea, è così e basta”.

Potrebbero interessarti:

Conte lascia la Nazionale: ecco i possibili sostituti

Conte: “Tavecchio? Non gli ho detto dove andrò”

About Girolamo Zampa 1099 Articoli
Nasce a Prato nel 1990, frequenta la facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Firenze. Il calcio è da sempre la sua passione, ma gli piace rimanere informato anche su tutti gli altri sport.