Morto Dario Fo: Frasi Celebri e Biografia

Dario Fo è morto. Il poeta nativo di Sangiano ci ha lasciati dopo un’intera vita dedicata alle arti. Ecco le sue frasi celebri e la biografia.

Se n’è andato a 90 anni, a causa di problemi polmonari, dopo essere stato ricoverato per 12 giorni. Dario Fo è stato, senza dubbio, uno dei maggiori poeti, drammaturghi, attori, registi, impresari della nostra epoca, all’occorrenza anche scultore e pittore. Dotato di grandissima duttilità artistica, il suo nome è conosciuto in tutto il mondo.

Dario Fo nasce il 24 marzo 1926 a Sangiano, in provincia di Varese. Si trasferisce a Milano giovanissimo, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera e poi si iscrive ad architettura, al Politecnico. Ma non è evidentemente la sua strada: nel 1952 comincia a collaborare con la Rai.

Da lì un’escalation inevitabile per una persona del suo calibro, che riesce ad affermarsi in ogni campo, anche come sceneggiatore, e che lo porta a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura nel 1997. Quest’ultimo avvenimento genera una polemica: è davvero da considerarsi (solo) un letterato? Adesso, dopo 90 anni di vita, ci lascia.

Ecco una raccolta delle sue frasi celebri.

Morto Dario Fo: Frasi Celebri e Biografia

  • Gli autori negano che io sia un autore. Gli attori negano che io sia un attore. Gli autori dicono: tu sei un attore che fa l’autore. Gli attori dicono: tu sei un autore che fa l’attore. Nessuno mi vuole nella sua categoria. Mi tollerano solo gli scenografi.
  • In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta. Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po’ le teste. Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa. (da Il mondo secondo Fo)
  • La vita? Una meravigliosa occasione fugace da acciuffare al volo tuffandosi dentro in allegra libertà. (da Il mondo secondo Fo)
  • Fermare la diffusione del sapere è uno strumento di controllo per il potere perché conoscere è saper leggere, interpretare, verificare di persona e non fidarsi di quello che ti dicono. La conoscenza ti fa dubitare. Soprattutto del potere. Di ogni potere. (da la Repubblica, 13 giugno 2004)
  • L’uomo senza idee, come diceva Voltaire, è un imbecille.
  • Se siete in crisi, vi sbattete in ginocchio e pregate il Signore, i santi e la Madonna che vi vengano a tirar fuori. Noi atei, al contrario, non ci possiamo attaccare a nessun Santissimo. Per le nostre colpe dobbiamo rivolgerci solo alla nostra coscienza. (da Il paese dei mezaràt, Feltrinelli Editore, 2004)
About Nicola Loseto 710 Articoli
Appassionato di calcio fin da bambino, nato a Bari nel 1970. Da sempre tifoso del Bari, mi interesso di calcio, basket e altri sport.