Napoli-Roma, Sarri: “Voglio il San Paolo pieno, il presidente ci sarà”

Alla vigilia del big match di sabato pomeriggio tra Napoli e Roma, ha parlato in conferenza stampa il mister azzurro Maurizio Sarri, riflettendo sulla sconfitta di Bergamo e sul suo prossimo avversario.

Con questa partita si definirà chi sarà l’anti-Juve?
Ancora è presto per dirlo, non penso che una partita adesso possa metterti in certi ruoli. È una sfida importante, perché veniamo da una brutta partita e dobbiamo reagire. Non sarà facile, la Roma ha un attacco di alto livello e un allenatore bravissimo.”

Come sta il Napoli dopo Bergamo? “La sfida contro l’Atalanta può averci fatto perdere fiducia, ma spero che la squadra sia tornata a stare bene. Dobbiamo crescere: quando la partita non si mette come vorremmo noi dobbiamo imparare a gestirla meglio e dobbiamo migliorare anche in mentalità e personalità se vogliamo diventare grandi.”

Gabbiadini?
Non cambia nulla, il nostro rapporto è sempre lo stesso. Milik si è infortunato e al suo posto giocherà Gabbiadini. Ora dovremo trovare un’alternativa a lui perché non può giocare ogni tre giorni. Lui deve solo fare bene e credo in lui.” E chi sarà il suo sostituto? “Abbiamo provato diverse soluzioni, per gestire tutte le situazioni. Mertens può fare bene con le squadre che si chiudono mentre Callejon può giocare con squadre che alzano la linea.”

La Juventus?
Ho dato la stessa identica risposta cinque volte, ma non è una resa, non sono una persona che si arrende. La Juventus è la più forte di tutte in Italia ed è al livello di Bayern, Psg dei rispettivi campionati.

Sulla prossima avversaria?
Spalletti è un grande allenatore, la Roma gioca bene nelle ripartenze come nessuno in Europa, sta facendo un grande lavoro. Noi dobbiamo sapere giocare in maniera diversa e riuscire a saper gestire le partite anche se non vanno come vogliamo. Abbiamo tanti giovani e dobbiamo tirare fuori i nostri talenti, ho grande fiducia in questo gruppo.”

Potrebbe interessarti:

About Eleonora Ciaffoloni 212 Articoli
Vive a Perugia, ma studia presso la facoltà di Scienze Politiche e relazioni internazionali dell'Università di Siena. Appassionata di letteratura, sport e grande sostenitrice del Perugia Calcio.