Nazionale volley femminile: l’Italia schiaccia il Perù, Rio si avvicina

L’Italvolley di Marco Bonitta infila la quarta vittoria consecutiva in altrettante gare; vittorie arrivate a punteggio pieno contro avversari  sicuramente alla portata delle azzurre, ma ostici, che dimostrano il buono stato di forma della squadra e la determinazione verso l’obiettivo comune: Rio de Janeiro.

Con il successo netto contro il Perù (3-0) l’Italia mette in cassaforte la qualificazione olimpica. Manca la certezza matematica, ma, a meno di risultati catastrofici nelle prossime tre gare, Del Core e compagne possono già respirare l’aria carioca e sognare più realisticamente la quinta Olimpiade consecutiva.

Bonitta ha cambiato ancora una volta la formazione in campo, scegliendo Orro in cabina di regia, Egonu opposta, Del Core e Sylla in banda, Chirichella e Guiggi al centro, De Gennaro libero. Miriam Sylla rimane quindi titolare al posto di Piccinini (che con questa partita ha festeggiato le 500 presenze in nazionale) e dimostra di meritare il posto: prestazione di sostanza per lei in ricezione e attacco (chiuderà con 14 punti). Il titolo di MVP è andato a Cristina Chirichella, autrice di una bellissima prova, la migliore in questo torneo, dove è stata protagonista con 18 punti, esaltandosi a muro (3) e in battuta (5 aces). Prova altalenante di Egonu, schierata da opposto, che nel momento in cui ha trovato il ritmo partita è stata capace di bombardare le avversarie con 15 punti personali. Fondamentale ancora Del Core che, anche se ha messo giù solo 8 punti, è stata decisiva nel riportare l’equilibrio nella situazione di difficoltà del primo set.

La gara contro il Perù non è stata mai in discussione: ci è voluta poco più di un’ora perché le azzurre chiudessero i giochi sul 3-0, approfittando di una prestazione di  altissimo livello del fondamentale del muro (15 totali di squadra). Le sudamericane hanno provato a mettere in difficoltà l’Italia e ci sono riuscite nel primo set, quando conducevano per 14-11, grazie anche ai molti errori diretti nella metà campo azzurra (ben 11 solo nel primo parziale). Il turno in battuta della capitana Del Core ha, però, rimesso la gara sui binari italiani, guadagnando il vantaggio sul 18-14, mantenuto fino alla fine del set (25-19). Superato il momento di difficoltà, l’Italia ha condotto la gara in lungo e in largo e non c’è stata più storia, nemmeno la bomber peruviana Valeria Leyva ha impensierito la difesa guidata da De Gennaro.

Il secondo set ha visto una partenza equilibrata (7-7), prima che l’Italia schiacciasse il pedale dell’acceleratore, approfittando degli errori del Perù e di Sylla in attacco (16-9). Egonu firma il 20-13 per l’Italia e diventa protagonista del finale del parziale, guadagnando il set point (24-16), finalizzato da un ace di Chirichella (25-16).

Il terzo set le azzurre sono partite subito forte, sfruttando il proprio muro e servizio e le tante sbavature delle sudamericane (8-2). Chirichella insuperabile a muro sigla il 14-6 e trovano spazio Gennari per Del Core e Danesi per Guiggi. Il finale del parziale è firmato dalla centrale campana: approfitta di una ricezione lunga che significa il set point, poi regala alle sue la vittoria con un muro (25-17).

Giovedì l’Italia osserverà un turno di riposo e avrà il tempo per preparare il big match contro l’Olanda, in scena venerdì, che potrebbe risultare decisivo ai fini della qualificazione.

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA

About Silvia Viola 47 Articoli
Laureata in scienze della comunicazione a Torino, anche se non ha ancora deciso cosa vuole fare da grande. Aspirante blogger, aspirante scrittrice, insomma, sempre con una penna in mano o davanti a una tastiera. La sua passione più grande è la pallavolo e ha deciso di passare da essere protagonista in campo a viverla attraverso le parole.