Nazionale volley femminile, Tokyo 2016: Prima sconfitta per l’Italia, 3-0 dall’Olanda

Foto Federvolley Marika Torcivia

Le azzurre vengono travolte per 3-0 dall’Olanda di Guidetti. Dopo i primi due set giocati sul filo della parità, tanto rammarico soprattutto per il terzo set, dove l’Italia non ha dato cenno di reazione. Nonostante la sconfitta le ragazze di Bonitta rimangono in testa alla classifica, affiancate proprio dall’Olanda. La qualificazione a Rio 2016 rimane quindi vicinissima. Le azzurre dovranno vedersela domani con il Giappone alle 12.10 in diretta su Rai Sport.

Bonitta schiera Orro al palleggio in diagonale con Ortolani, al centro Guiggi e Chirichella, in posto 4 Sylla e capitan Del Core e De Gennaro libero.

Guidetti risponde con Dijkema e Sloetjes, al cento Steenbergen (al posto di De Kruijf, ancora infortunata) e Belien, in banda Grothues e Buijs e Stam-Pilon libero.

Nel primo set l’avvio è equilibrato, con le azzurre che al timeout tecnico conducono 8-6 e successivamente scappano fino al 10-6, grazie a qualche errore di troppo delle olandesi, che però si riportano sotto approfittando di un attacco out di Chirichella (10-9). Le Orange riescono a sorpassare (14-15). Guidetti inserisce Celeste Plak al posto di Grothues per dare più peso all’attacco. Con un’implacabile Sloetjes e una fast di Belien l’Olanda allunga portandosi sul 19-22. Con Plak al servizio le azzurre soffrono in ricezione e ci pensa Buijs a chiudere il primo set 21-25.

Nel secondo set Sloetjes riprende da dove aveva lasciato, siglando lo 0-3, ma l’Italia con Del Core si rifà subito sotto (2-3). Le ragazze di Bonitta continuano a dover inseguire le avversarie, che al timeout tecnico sono in vantaggio (6-8). Al ritorno in campo ci pensa Chirichella a ristabilire la parità con un muro, ma dall’altra parte una devastante Sloetjes fa scappare ancora l’Olanda. Coach Bonitta prova ad inserire Danesi al posto di una Chirichella positiva a muro ma deficitaria in attacco. Si prosegue punto a punto fino al 17 pari. Successivamente entra anche Paola Egonu, che si mette subito in mostra con una pipe. Dall’altra parte risponde Plak, subentrata in prima linea al posto di Grothues. E’ ancora una volta Plak al servizio a scavare il solco decisivo del set, portando l’Olanda sul 20-23. Ci pensa poi la solita Sloetjes a chiudere 21-25 anche il secondo set.

Nel terzo set Bonitta schiera Gennari e Del Core in banda, optando per Egonu opposta. Ma il set è un monologo della squadra di Guidetti, che fin dai primi scambi prende il largo, portandosi sul 2-8 al primo timeout tecnico. Buijs allunga ancora le distanze con un ace (4-14) e torna in campo Serena Ortolani, a sostituire una Egonu non in partita e viene inoltre inserita Malinov, al posto di Orro, apparsa confusa nella distribuzione. Qualche errore delle olandesi fa accorciare lo svantaggio dell’Italia (11-17) ma gli errori in ricezione delle azzurre permettono alle ragazze di Guidetti di chiudere in scioltezza il set con Sloetjes che sigla il 14-25.

 

About Silvia 97 Articoli
Classe 1995. Studentessa di lingue occidentali a Venezia. Un passato nel volley giocato e un futuro da blogger nel volley parlato.