Olimpiadi Roma 2024, Malagò: “Peccato, progetto difficile da battere”

Giovanni Malagò, nella conferenza stampa odierna, conferma l’esito di quanto era già stato detto nei giorni scorsi, interrompendo la candidatura a Roma 2024, facendo pressione sul mancato appoggio da parte del Comune della Capitale.

Il presidente del CONI, amareggiato, vede svanire il bellissimo e suggestivo progetto di riportare, dopo 74 anni, le Olimpiadi in Italia. Non mancano le sue parole, con le quali ci tiene ad approfondire adeguatamente la questione: “C’è bisogno di fare chiarezza e di mettere a disposizione di tutti la verità, con le dovute risposte. Tramite una lettera al CIO, interrompiamo il percorso che avrebbe portato alla candidatura della città di Roma per le Olimpiadi del 2024. Per questo progetto si necessitava di tre gambe, ma a malincuore, una di queste, secondo la mia opinione personale e secondo quella di gran parte degli italiani, ci ha abbandonato per motivi demagogici.”

Stavolta era tutto già scritto. Dopo le infinite polemiche, anche la telenovela Roma 2024 giunge al termine, con il grande dispiacere e l’immensa amarezza di tutti gli italiani che amano lo sport. Si è provato in tutti modi a mettere in porto un progetto, che avrebbe valorizzato l’Italia, gli italiani e la città di Roma. Non c’è stato l’apporto produttivo di tutti. Peccato.

Potrebbe interessarti:

Travaglio e Renzi a Otto e Mezzo su La7: “No a Olimpiadi 2024 a Roma assurdo”

About Francesco Rosa 50 Articoli
Francesco Rosa, 20 anni, è un ragazzo di Avellino, attuale studente di giurisprudenza, con una immensa passione per lo sport, in particolare per il calcio; è legatissimo alla squadra della sua città e a quella del suo paese.