Pagelle Perugia-Avellino 2-0: i Voti (Serie B 2015-16)

Di seguito le pagelle di Perugia-Avellino, sfida terminata sul punteggio di. Reti decisive di Aguirre nel primo tempo e Belmonte nella ripresa.

PAGELLE PERUGIA-AVELLINO 2-0

OFFREDI 5,5: Regala al Perugia il calcio d’angolo da cui nasce il secondo gol di Belmonte. Incolpevole sui gol;

PUCINO 5: Si fa puntualmente superare in dribbling dagli avversari, non indovina un intervento e in attacco è invisibile;

REA 5: Aguirre fa quello che vuole quando lo punta nell’uno contro uno. Riportato in auge da Marcolin come centrale titolare in caso di assenza di Jidayi, non convince del tutto;

BIRASCHI 6: L’unico a salvarsi in una difesa che crolla sotto i colpi di qualsiasi avversario. Vince ogni contrasto e lotta come un leone, ma da solo può fare ben poco;

VISCONTI 5: Altra prestazione incolore per il terzino biancoverde che non entra mai in partita e sbaglia qualche passaggio di troppo;

D’ANGELO 5,5: Perde Belmonte sul secondo gol, lasciato libero di colpire indisturbato. A centrocampo soffre il palleggio degli avversari ed esce stremato dopo un’ora di gioco;

PAGHERA 5,5: L’Avellino non ha un gioco, e anche lui ne risente. I palloni che passano dai suoi piedi sono sempre indirizzati verso i compagni nella maniera più semplice possibile;

BASTIEN 6: Il migliore dei suoi. Alla prima da titolare dimostra il perché ha così tanti estimatori anche all’estero. Imprevedibile, prova più volte il tiro in porta rendendosi pericoloso con le sue progressioni in velocità. Ma predica nel deserto;

INSIGNE 5,5: Una delle poche occasioni da gol della partita per i lupi arriva dal suo sinistro, con un calcio di punizione deviato da Rosati. Per il resto della partita è ininfluente;

MOKULU 5,5: Avulso dal gioco, non riesce ad arrivare vicino alla porta per colpire, di certo non aiutato dai compagni;

CASTALDO 4,5: Bocciatura totale per l’ex idolo dei tifosi avellinesi. Abulico, sbaglia passaggi elementari, nella ripresa scompare dal terreno di gioco. La metamorfosi del numero dieci;

SBAFFO (dal 55′) 5: Così come Insigne, non incide sulla partita. Tra le linee si vede poco e non prende per mano la squadra come avrebbe dovuto;

ARINI (dal 61′) 5,5: Entra in campo al posto di D’Angelo e lo sostituisce in tutto e per tutto. Anche lui si mette a rincorrere gli avversari senza una meta;

TAVANO (dal 71′) s.v.

All. MARCOLIN 4: Cambia l’ennesimo modulo, diverso in ogni partita giocata. Sembra non avere idea di come schierare la squadra in campo. Oggi è tornato al 4-3-1-2 di Tesser, senza frutti. I cambi non modificano l’inerzia della partita, sempre a favore del Perugia dal primo all’ultimo minuto.

Potrebbe interessarti:

About Aldo Pio Feoli 42 Articoli
Giornalista Pubblicista dal 2016. Laureando in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Salerno. Nato nel 1993 ad Avellino, esperto di Social Media, collabora per diversi giornali online tra i quali AlBarSport.com e IlCiriaco.it. È SMOS dell'U.S. Avellino 1912 per la Lega di Serie B.
Contact: Facebook