Palermo-Perugia 1-0, Del Prete: “C’è tanto da incriminare”

C’è tanto da incriminare” esordisce così ai microfoni di Umbria TV il capitano del Perugia Lorenzo Del Prete, amareggiato e deluso dalla sconfitta maturata al Barbera contro un Palermo che è riuscito a portare a casa l’intera posta in palio, grazie ad un rigore molto generoso, messo a segno da Nestorovski.

Il numero 18 biancorosso non fa vittimismo: “Siamo consapevoli della nostra forza, ma ci abbiamo messo del nostro. L’arbitro? inizialmente mi sembrava non avesse dato il rigore, poi mi ha detto che Colombatto aveva tenuto il braccio largo e aveva aumentato il volume del corpo, anche se a noi non sembrava.”

“Non è facile nemmeno per gli arbitri, ma perdere così dopo non aver visto tiri del Palermo porta tristezza e rammarico. È chiaro, venire qui ad arbitrare è difficile, ma penso a noi, se fossimo stati più bravi nelle giuste occasioni l’avremmo vinta.”

E continua: “C’è rabbia e delusione, perché non hai subito tiri in porta ed hai avuto tre occasioni clamorose davanti e sulla line dai porta. Dobbiamo mettere più rabbia ed essere più maliziosi. Loro hanno avuto situazioni a favore. Le ammonizioni? Struna era già ammonito quando ha atterrato Han in campo aperto e Nestorovski meritava il secondo giallo.. noi ad ogni fallo siamo stati ammoniti.”

Adesso al Curi il prossimo sabato arriverà il Frosinone e il capitano non perde fiducia: “Siamo consapevoli delle nostre capacità e possiamo ancora dire tanto, dipende tutto da noi.”

Potrebbe interessarti:

Palermo-Perugia 1-0, Tedino:”Prova di grande carattere”

Palermo-Perugia 1-0, Giunti: “Ci vuole personalità, dell’arbitro non ne parlo..”

 

About Eleonora Ciaffoloni 386 Articoli
Vive a Perugia, ma studia presso la facoltà di Scienze Politiche e relazioni internazionali dell'Università di Siena. Appassionata di letteratura, sport e grande sostenitrice del Perugia Calcio.