Palermo-Perugia 1-0: Il Grifo non decolla al Barbera

Prima o poi doveva accadere: forse è successo nel modo sbagliato, forse non al momento giusto, ma è arrivata in terra siciliana la prima sconfitta dei Grifoni, che seppur non sfigurando, sono usciti dal Renzo Barbera senza alcun punto in tasca.

Una partita tesa, combattuta sia tatticamente che fisicamente ma decisa, purtroppo, da un episodio a dir poco rivedibile e dalla scelta molto discussa da parte di Ros e dei suoi assistenti, che hanno spianato la strada alla formazione rosanero, con un rigore concesso per presunto fallo di mano di Colombatto.

Eppure, il Perugia, nonostante le defezioni della settimana e quelle dell’ultimo minuto, era entrato in campo con il giusto spirito e con tutte le carte in regola per andare a strappare i tre punti ad una delle favorite alla vittoria del campionato. Un primo tempo senza esclusione di colpi da parte dei biancorossi che per gran parte della mezz’ora, sono riusciti a schiacciare l’undici di Tedino senza permettere alcun tiro verso lo specchio della porta e collezionando un paio di chance purtroppo non sfruttate.

Come non avere ancora davanti agli occhi la clamorosa occasione di Buonaiuto che, con il portiere fuori dai pali e senza ostacoli, non è riuscito a concludere in rete, mandando la sfera sull’esterno, allo scadere della prima frazione di gioco.

La storia si ripete anche nel secondo tempo, con i rosanero schiacciati dal tridente perugino, del tutto rinnovato visto l’improvviso infortunio di Di Carmine nel riscaldamento, per il quale Giunti ha dovuto ripiegare, adattando Mustacchio in posizione centrale e non da esterno come di competenza.

Infine però, interviene “la dura legge del gol”, o come dir si voglia “la dura legge di Ros“, che fischia al 36′ del secondo tempo, un clamoroso rigore in favore dei padroni di casa, che fa terminare il match e fa volare Nestorovski e compagni verso la vittoria e i tre punti.

Potrebbe interessarti:

 

 

About Eleonora Ciaffoloni 386 Articoli
Vive a Perugia, ma studia presso la facoltà di Scienze Politiche e relazioni internazionali dell'Università di Siena. Appassionata di letteratura, sport e grande sostenitrice del Perugia Calcio.