Perugia-Ternana, Bucchi: “Momento perfetto per vincere”

Alla vigilia della quarta giornata di campionato, ha parlato in conferenza stampa l’allenatore del PerugiaCristian Bucchi, carico in vista del derby contro la Ternana, in programma al “Curi” alle ore 15.00.

Il tecnico biancorosso inizia subito snocciolando la formazione che andrà in campo domani: “Giocano Rosati, Del Prete, Volta, Belmonte, Chiosa, Zebli, Brighi, Dezi, Bianchi, Di Carmine, Di Nolfo; mentre non sono convocati Zapata, Bonaiuto, Drole; Imparato che è squalificato, Mancini, Alhassan e Joss.” e continua: “Guberti è convocato, viene in panchina perché ha fatto di tutto per esserci, ho apprezzato l’atteggiamento di tutti che hanno cercato di esserci, anche Bonaiuto, ma non voglio rischiarlo per poi non poterne usufruire al 100%.”

In infermeria sembra esserci un’emergenza, ma Bucchi non sembra preoccuparsi: “Potremmo parlare dei tanti giocatori che non ci sono, negli esterni soprattutto, ma mi piace vedere la cosa diversamente: conto sull’identità di squadra dove tutti sono protagonisti, è il momento di dimostrarsi pronti, chi gioca deve sentirsi titolare.” Le scelte in difesa? “A Cesena abbiamo giocato bene con la difesa a 4; a Brescia abbiamo fatto molto bene con una difesa diversa, ho a disposizione un reparto molto importante.”

Non è stato certo un campionato fortunato finora e la sorte non sembra essere al fianco del Grifo: “È il momento perfetto per questa partita perché sappiamo cosa significa il derby per questa città e per questi tifosi.” e continua: “Quello che è stato fino ad oggi conta poco, la concentrazione ogni giocatore la trova da solo, non ci preoccupano cose particolare. Falletti è importante lo conosciamo ma non costruiamo la tattica difensiva sul giocatore, cerchiamo di limitare lui come tutti gli altri.

Non ha alcun dubbio sui suoi ragazzi: “Credo di avere una squadra feroce, avvelenata, ma ci sono delle pause che dobbiamo eliminare. Siamo venuti meno nei momenti decisivi e lì dobbiamo migliorare in fretta. Prima cresciamo e prima miglioreremo, non stiamo a piangerci addosso, queste tre partite devono essere un insegnamento. Sono molto sereno, vivo la squadra tutti i giorni e vedo la gran voglia di lavorare soprattutto dopo Brescia, un macigno duro da digerire. C’è grande carica e voglia, mi piacerebbe ovviamente vincere non solo per prendere punti importare, ma perché sono vittorie che rimangono negli anni.”

Potrebbe interessarti: 

About Eleonora Ciaffoloni 351 Articoli
Vive a Perugia, ma studia presso la facoltà di Scienze Politiche e relazioni internazionali dell'Università di Siena. Appassionata di letteratura, sport e grande sostenitrice del Perugia Calcio.