Rio 2016: Paltrinieri conquista un oro storico, Detti di Bronzo

Notte magica a Rio de Janeiro. Le porte dell’olimpo si spalancano dinanzi a Gregorio Paltrinieri. Il primatista mondiale, classe 1994, stravince la finale dei 1500 metri stile libero maschile ed entra nella schiera degli immortali. Finalmente l’italia del nuoto si prende una rivincita e Super Greg si prende una medaglia che, da tempo, tutti vedevano già al suo collo.

Paltrinieri non delude; prima crea l’abisso tra se ed i suoi avversarsi e poi, chiudendo in 14:34:57, tocca davanti a tutti conquistando il titolo olimpico.Così, 8 anni dopo la vittoria di Federica Pellegrini a Pechino 2008 nei 200 stile libero, l’albo d’oro del nuoto italiano si arricchisce di una nuova medaglia e Gregorio scrive una pagina di storia.

Ma la notte di Rio non finisce di stupire e qualche bracciata dopo Greg, alle spalle dello statunitense Connor Jaeger, arriva un altro azzurro: Gabriele Detti che, chiudendo in terza posizione, completa l’opera e sigla una doppietta tutta azzurra che significa doppia medaglia per il medagliere italiano: oro e bronzo. Due su due!

Sin dall’inizio non c’è stata storia: Super Greg voleva vincere ed ha vinto. Il carpigiano ha impostato il suo ritmo che per tutti si è rivelato insostenibile ed infatti Gregorio già dopo 4 vasche era solo al comando. A metà gara sembrava possibile anche stabilire il record del mondo; infatti sui 700 metri Gregorio nuotava con costanza sotto i 29 secondi e 2, tempi mostruosi ed infatti per qualche vasca non era Super Greg ad inseguire la linea gialla del record ma la linea ad inseguire il nostro Gregorio. Nella fase finale però la stanchezza si è fatta sentire, la bracciata iniziava ad essere meno fluida e la possibilità di infrangere il record del cinese Sun Yang si è sbiadita man mano. Ma ” […] la possibilità di battere il nuovo record è stata solo rimandata. L’importante stasera era toccare davanti a tutti. “ ha detto lo stesso Paltrinieri in un’ intervista ai microfoni Rai nel dopogara. Poco prima delle premiazioni ufficiali c’è stata anche la sorpresa di  Gianmarco Tamberi, il grande assente italiano ai giochi di Rio, che è corso verso Greg e si è complimentato con lui ammettendo di essere incredulo per l’accaduto.

Gabriele Detti invece ha condotto una gara in ombra nella prima metà ma come suo solito, nel rush finale, ha tirato fuori il meglio di se ed ha superato l’americano Willimovsky che si è visto strappare dal collo la medaglia di bronzo.

Insomma, questa notte a Rio è accaduto quello che tutti gli italiani speravano ovvero vedere entrambi gli azzurri sul podio ma sopratutto vedere, finalmente, un italiano sul gradino più alto del podio, sulla duna più alta dell’ Olimpo e quell’italiano porta il nome Gregorio ed il cognome Paltrinieri. Chapeau Greg! Chapeau Detti!

Potrebbe interessarti:

 

 

About Mario Martino 102 Articoli
Nato a Maddaloni il 16/05/1995, vive a Beltiglio di Ceppaloni, un paese in provincia di Benevento. Studia lettere moderne presso l'Università degli studi di Salerno, appassionato di libri e di nuoto. Scrive per Notiziare.it, BeneventoZON e Derivati Sanniti.