Rizzoli su testata Bonucci: “Polemica infondata”

A distanza di un mese dal derby di Torino, Nicola Rizzoli, ai microfoni della “Gazzetta dello Sport”, torna sulla ‘non testata’ di Leonardo Bonucci nei suoi confronti: ”E’ un polverone creato dal nulla. Lasciando perdere i nuovi mezzi di comunicazione, ma chi lavora in questo settore dovrebbe parlare facendo maggior attenzione e non dare informazioni incomplete. E’ stato preso un frame e da quello si è subito arrivati alla conclusione che si trattasse di una testata. Altre foto fanno capire quanta distanza ci fosse”.

Il fischietto bolognese spiega com’è andata: ”Io mi sono diretto verso Bonucci perché stava protestando con l’arbitro di porta. Poi l’ho fatto allontanare e, poiché continuava a dire che non era calcio di rigore, l’ho ammonito. Nemmeno i giocatori del Torino hanno avuto una percezione sbagliata, a questo ci hanno pensato i social. Ci è dispiaciuto che il gol annullato al Torino fosse regolare, ma non era una situazione semplice”.

Rizzoli, due settimane fa, ha diretto anche Atletico Madrid-Barcellona in Champions League, e la sua direzione ha suscitato molte polemiche: ”I giocatori e i dirigenti del Barcellona sono venuti nel nostro spogliatoio e non hanno minimamente protestato, hanno detto che l’Atletico aveva meritato il passaggio del turno. Hanno cultura sportiva, che in Italia manca”.

Sull’espulsione di Gasperini in Carpi-Genoa: ”Aveva protestato per il recupero lungo, esagerando con il quarto uomo, non con me e glielo abbiamo fatto capire al rientro in campo”.

Potrebbero interessarti: