Russia e Inghilterra squalificate da Euro 2016? Uefa apre inchiesta

Marsiglia e il Velodrome centro del calcio e della 'lotta greco-romana' tra i tifosi russi e inglesi

Russia-Inghilterra non è stata solo una partita di calcio ma anche un autentico incontro di “lotta libera”: infatti, c’è stato un vero e proprio confronto tra due delle tifoserie più pericolose d’Europa. Marsiglia, città ospitante la sfida tra le due squadre, è divenuta campo di battaglia e continua ad esserlo anche nel post match. La Uefa ha annunciato l’apertura di un’inchiesta nei confronti delle due formazioni per il comportamento decisamente inappropriato degli hooligans.

Queste le dichiarazioni del massimo organo calcistico a livello europeo, che si è espresso così sul proprio sito ufficiale: “L’UEFA esprime il suo disgusto per i violenti scontri che si sono verificati nel centro della città di Marsiglia e la sua grave preoccupazione per gli incidenti avvenuti all’interno dello stadio Velodrome al termine della partita. Questo comportamento è del tutto inaccettabile e non ha posto nel calcio. Procedimenti disciplinari sono stati aperti nei confronti della Federcalcio russa per i seguenti eventi avvenuti all’interno dello stadio: disordini, lancio di fuochi pirotecnici e petardi. Una decisione sulle sanzioni da adottare verrà presa nei prossimi giorni dopo che la RFU sarà stata in grado di presentare le sue memorie difensive e le prove”.

In Francia la paura era quella di altri attentati da parte dell’Isis e i controlli erano ai massimi livelli ma il lavoro delle autorità locali è stato dedicato interamente a dividere i tifosi russi dagli Hooligans inglesi. Se ci dovessero essere ulteriori scontri nei prossimi giorni, l’Uefa potrebbe seriamente pensare e decidere di squalificare le due Nazionali.

GUARDA IL VIDEO DEGLI SCONTRI AVVENUTI AL VELODROME

About Armando Della Porta 521 Articoli
Armando Della Porta nasce a Nocera Inferiore il 28 settembre 1992. Fin da piccolo è appassionato di sport, seguendo con maggior passione calcio, tennis e rugby.
Contact: Facebook