Scontri Hooligans inglesi e russi: il bilancio dei feriti

Una giornata molto difficile ieri a Marsiglia, con la città messa a ferro e fuoco dagli hooligan inglesi e russi, ai quali si sono aggiunti negli scontri alcuni gruppi di ultrà francesi, avvenimenti ignobili in una manifestazione già condizionata dalla paura del terrorismo. Anche dopo la partita fra Inghilterra e Russia, terminata sul punteggio di 1-1, la tensione è rimasta alta in città, con atti violenti anche dentro al Velodrome, dove i sostenitori russi hanno attaccato gli inglesi e ci sono stati tafferugli anche all’uscita. Fatti che hanno portato l’Uefa ad aprire un procedimento disciplinare nei confronti della Russia, che verrà discusso dalla commissione disciplinare il prossimo 14 giugno.

Attualmente sei persone si trovano in stato di fermo e risultano 31 feriti, di cui uno in modo piuttosto grave, in seguito agli scontri avvenuti ieri. Agli alterchi più gravi, ha voluto precisare il prefetto di Marsiglia Laurent Nunez, hanno preso parte all’incirca 500 Facinorosi, 300 di fazione inglese e 200 di parte russa, in una strada che va ad intersecarsi perpendicolarmente alla zona del vecchio Porto. A quanto risulta il ferito in peggiori condizioni è un inglese che è stato colpito duramente al cranio e che nel momento in cui è stato raggiunto dai soccorsi si trovava già in arresto cardiaco. Il ministro dell’Interno Francese, Bernard Cazeneuve, ha condannato duramente questi avvenimenti: “Si è trattato di un comportamento irresponsabile e deliberato di pseudo-tifosi”.

TUTTE LE NOTIZIE SU EURO 2016

About Jacopo Formia 263 Articoli
Studente di Scienze Politiche, più che un tifoso si definisce uno studioso del calcio. Oltre ad essere un modesto tuttologo è anche un Potterhead della prima ora. Sogno nel cassetto: Giornalista sportivo.
Contact: Facebook