Settore Giovanile Avellino Calcio: Squalificato Enzo De Vito per 4 mesi

Arriva un’altra stangata per l’U.S. Avellino 1912. Non c’è pace per i dirigenti della società biancoverde, che dopo i deferimenti ricevuti per il Presidente Walter Taccone per la gestione del settore giovanile e per i trasferimenti di Mariano Arini e Marcello Trotta, subiscono anche l’inibizione del direttore sportivo Enzo De Vito. Ancora una volta la causa è la gestione delle giovanili degli scorsi anni.

INIBITO ENZO DE VITO: SQUALIFICATO PER QUATTRO MESI IL DIRETTORE SPORTIVO DELL’AVELLINO CALCIO

Questa la sentenza della Procura Federale, che ha condannato Enzo De Vito a quattro mesi di inibizione, e a un’ammenda lo stesso ds biancoverde e la società U.S. Avellino 1912 (per responsabilità oggettiva):

“Vista la comunicazione della Procura Federale relativa al provvedimento di conclusione delle indagini di cui al procedimento n. 360 pf 15/16 adottato nei confronti del Sig. Vincenzo DE VITO e della società US AVELLINO 1912 S.r.l., avente ad oggetto la seguente condotta:

VINCENZO DE VITO, Direttore Responsabile della società U.S. AVELLINO 1912 Srl, per aver violato: – l’art. 1 bis, comma 1, C.G.S. in relazione all’art. 91, comma 1 delle NOIF, per non aver assicurato al sig. Antonio RICCIO, tesserato della società U.S. AVELLINO 1912 Srl, lo svolgimento dell’attività sportiva con l’osservanza dei limiti e dei criteri previsti dalle norme federali per la categoria di appartenenza in conformità al tipo di rapporto instaurato col contratto o col tesseramento; – l’art. 1 bis, comma 1, C.G.S. per aver consentito al sig. Vincenzo VITO, soggetto non tesserato, di svolgere per proprio conto e nell’interesse della società U.S. AVELLINO 1912 Srl, le funzioni di Dirigente Responsabile di fatto del Settore giovanile della società;

US AVELLINO 1912 S.r.l., per responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 4, comma, 2 del C.G.S.; vista la richiesta di applicazione della sanzione ex art. 32 sexies del Codice di Giustizia Sportiva, formulata dal Sig. Vincenzo DE VITO e dal Sig. Massimiliano Taccone in qualità di legale rappresentante della società US AVELLINO 1912 S.r.l.; vista l’informazione trasmessa alla Procura Generale dello Sport; vista la prestazione del consenso da parte della Procura Federale; rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di 4 (quattro) mesi di inibizione e di € 10.000,00 (euro diecimila/00) di ammenda per il Sig. Vincenzo DE VITO e di € 13.500,00 (€ tredicimilacinquecento/00) di ammenda per la società U.S. AVELLINO 1912 S.r.l”.

Potrebbe interessarti:

Avellino deferito per Trotta, Taccone:”La Covisoc non può fare nulla

About Sanji 1385 Articoli
Si dice che Dio crei le pietanze e il diavolo ci metta le spezie... ma forse questo piatto era un po' troppo piccante per te.