Siamo Una Firm, la Pagina Facebook che Racconta lo Sport Più Bello del Mondo

È la pagina Facebook del momento, che ha raccolto in poco tempo tutti gli appassionati di calcio presenti sui social e li ha trasformato in una vera e propria comunità online. Stiamo parlando della fanpage “Siamo Una Firm“, di Angelo Lucarelli, l’ideatore e fondatore di quella che sta diventando uno dei punti di riferimento dei fan del football sulla piattaforma di Mark Zuckerberg. Lo abbiamo intervistato e ci abbiamo scambiato due chiacchiere, parlando di calcio e di come è nata l’idea di creare una fanpage del genere. Angelo si è reso disponibile e dopo una chiacchierata a telefono abbiamo capito cosa si nasconde dietro il suo successo: la semplice passione per quello che è lo sport più bello del mondo.

In poco tempo hai raggiunto oltre 100.000 fan e la tua pagina Facebook continua a crescere a vista d’occhio. Da dove è nata l’idea di raccontare storie di football tramite i social network?

“È nata una sera di agosto leggendo il libro di Roy Keane, si intitola “Il secondo tempo” e ci sono un macello di aneddoti che raccontano il mondo del calcio e in particolare lo spogliatoio del Manchester United dell’epoca. Da lì mi è venuta in mente questa cosa, nata come un gioco, avevo voglia di raccontare anche agli altri ciò che avevo letto, perché mentre leggevo le righe di quel libro la mia immaginazione volava dentro lo spogliatoio dei Red Devils. Dove si respirava il calcio vero”.

“Siamo Una Firm”, un nome che rievoca chiaramente gli hooligans, il calcio inglese degli anni ’80, quello spirito di collettivo e di partecipazione delle organizzazioni ultras inglesi. È proprio quello di “comunità” lo spirito della tua pagina?

“Ho preso anche spunto dal film Hooligans, e dal libro di Cass Pennant sulla I.C.F.. Quello che mi piace della mia fanpage è che i miei fan non sono divisi a causa del campanilismo, ma sono tutti uniti dall’amore verso il calcio. Ed è fantastico confrontarsi su quello che per me è lo sport più bello del mondo. Quando vedo commenti del tipo “questo è del Milan e fa schifo, questo è della Juve e fa schifo”, provvedo subito a cancellarli e cacciare chi li scrive dalla pagina. Siamo Una Firma è una comunità che raccoglie chi si emozioni attraverso il calcio e queste cose non sono ben accette”.

Qual è la storia più emozionante che tu abbia mai raccontato attraverso la tua fanpage?

“La mia storia preferita, ed è anche l’aneddoto che mi ha fatto arrivare in soli due giorni a 10.000 fan. Quello di Ronaldo il Fenomeno, raccontata da Roberto Carlos.

Eravamo in ritiro pre Mondiale a Rio. Era il 1998 ed un pomeriggio finito l’allenamento andammo sulla spiaggia di “CopaCabana”, nel Resort riservato alla Nazionale. Arrivati lì, Ronaldo vide una ventina di ragazzi giocare una partita sul lungo mare. Ad un tratto mi fa: “Padata guarda stanno giocando con delle maglie arrotolate, ora gli porto,un po di occorrente”… Gli dissi: “Ma dove vai, che appena ti vedono di sicuro verrai assalito da tutta la spiaggia”. Lui si girò, sali su in camera e prese scarpe, tute, maglie, palloni, di tutto di più… Era tutto materiale che gli inviava il nostro sponsor Nike. Mi guarda e mi fa: “Forza dai aiutami,andiamo a far felici quei ragazzi”… Scendemmo giu, e gli regalo’ tutto quel materiale. Erano le 17 di pomeriggio,salimmo in camera alle 21. Tutta la spiaggia volle farsi la foto con lui… Questo era il Fenomeno”.

Ronaldo e Roberto Carlos Rio

Qual è la tua idea di calcio?

“Mi sono innamorato del calcio tra fine anni novanta e inizio 2000, quando in Italia c’erano fior fiori di campioni, dove le pay tv non erano ancora inserite nel sistema Lega Calcio come oggi. Dove il calcio era la passione di noi ragazzi, che aspettavamo la domenica per andare allo stadio o goderci tramite radio le gesta dei campioni. Quello di oggi è un calcio dove mi ci vedo poco. Avendo visto tante partite,  anche in trasferta, capisco che non è più quello di una volta”.

Il Leicester City Fc è la favola di questa stagione. Sarà una storia da raccontare, speri che vinca la Premier, cosa ti sorprende di Ranieri e Co?

“Spero vivamente che vinca la Premier League, stiamo facendo tutti il tifo per il Leicester. Hanno un allenatore italiano che non è di per sé un vincente, ma un bravo allenatore. Non è mai stato vincitore di campionati, ma adesso sta facendo sognare tutto il mondo guidando il Leicester, una squadra che l’anno scorso si è salvata per il rotto della cuffia. Giocatori come Vardy e Kantè che non erano nessuno ora sono al centro delle attenzioni di mercato. Il mio idolo in assoluto è proprio N’Golo, che ieri ha anche segnato con la sua Nazionale. Credo che se i giocatori del Leicester camminassero sull’acqua in questo momento, le acque si aprirebbero per farli passare”.

Angelo Lucarelli
Angelo Lucarelli, fondatore di “Siamo Una Firm”

Il calciatore attualmente in attività nel campionato italiano di Serie A più “romantico”?

“Un giocatore che mi piace tanto, anche se non è proprio il mio tipo di calciatore ideale, è Paulo Dybala. La storia del padre che voleva che uno dei suoi fratelli diventasse calciatore, non aveva neanche un euro quando era piccolo, forse è l’unico che richiama le storie di Ronaldo e dei grandi campioni del passato. Credo possa diventare un fuoriclasse”.

Se la tua pagina dovesse essere un calciatore, chi la incarnerebbe alla perfezione?

“Ti cito il mio calciatore preferito di sempre che è Paolo Maldini, perché ha dato anima e corpo per il Milan, non si è mai risparmiato ed è stato sempre un modello di sportività. Mi dispiace soltanto per il suo addio al calcio e a San Siro, quando alcuni ultras lo salutarono in malo modo. Paolo non se lo meritava assolutamente”.

Grazie mille Angelo.

“Grazie a te, Aldo”.

Potrebbe interessarti:

About Aldo Pio Feoli 37 Articoli
Giornalista Pubblicista dal 2016. Laureando in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Salerno. Nato nel 1993 ad Avellino, esperto di Social Media, collabora per diversi giornali online tra i quali AlBarSport.com e IlCiriaco.it. È SMOS dell'U.S. Avellino 1912 per la Lega di Serie B.
Contact: Facebook