Sidigas Avellino-KK Mornar 53-60: le pagelle dei lupi (Basketball Champions League 2016-17)

fontefoto: Basketball Champions League

Brutta batosta per la Scandone, piegata in casa dal KK Mornar con il punteggio di 53-60. Partita difficile e caratterizzata da basse percentuali, soprattutto al tiro da tre punti, per la Sidigas. Squadra stanca e poco concentrata nell’arco dei quaranta minuti di gioco, sia in difesa che in attacco, dove i lupi non riescono proprio a trovare con continuità la via del canestro.

Thomas il migliore per la Scandone, che realizza 13 punti e cattura 6 rimbalzi; per i montenegrini, invece, Tatum e Pavic sono i veri e propri artefici di una grande vittoria, che sa tanto di impresa per il Mornar. Con questa brusca frenata, la Sidigas interrompe la striscia positiva in Champions e dice quasi addio alle speranze di primo posto nel girone. Prossimo appuntamento a Tenerife, per sfidare la capolista.

Ecco le pagelle dei lupi:

#0 Zerini 5 – Gioca pochi minuti sul parquet, ma non è decisivo come nelle ultime gare. Impreciso al tiro e poco concentrato in difesa.

#1 Ragland 5,5 – Sembra un po’ fuori fase ed è difettoso nel tiro. Poco lucido nelle scelte e approssimativo in difesa, dove non marca con convinzione i suoi avversari.

#4 Green 6 – Prova a ripetere la prestazione contro Trento, ma l’esito non è lo stesso. Il capitano ci prova ugualmente a rimettere la squadra in partita nell’ultimo quarto, ma la stanchezza e anche la sfortuna stavolta mettono i bastoni fra le ruote alla Sidigas.

#8 Esposito sv

#10 Leunen 5,5 – Combatte su tutti i palloni ma lascia parecchi spazi agli avversari in difesa. È impreciso al tiro e la sua scarsa attenzione non aiuta né il gioco né la squadra.

#12 Cusin 5 – Approccio buono del Cuso , che si perde però nella ripresa. Difesa poco determinata per lui e difficoltà nel trovare gli spazi giusti per andare a segno.

#19 Severini 5 – Sacripanti gli concede diversi minuti sul parquet, ma la prestazione del giovane biancoverde non è intensa come sempre. In difesa come in attacco, si dimostra poco lucido e molto indeciso nelle scelte da effettuare.

#20 Randolph 6 – Ritorna a segnare con continuità, anche se ci mette un po’ prima di entrare in partita. Nel complesso una buona prova per l’americano, che pian piano sta ritrovando la piena forma fisica.

#32 Obasohan 6 – Corre, s’impegna e aiuta la squadra ogni volta che è in campo. Con una bella schiacciata prova a scuotere se stesso e tutta la squadra, ma i successivi tentativi non portano all’effetto sperato.

#44 Fesenko 5,5 – Delude molto in attacco, dove quelle poche volte in cui viene servito sbaglia parecchio. In difesa conquista tanti rimbalzi, ma non è in grado di contenere gli avversari e contrastare i loro tiri.

#55 Thomas 6,5 – Si propone molte volte al tiro, trovando a fasi alterne il canestro. È comunque il più preciso in attacco e il più voglioso nel tentativo di recuperare la partita.  In difesa soffre diverse volte i cambi di marcatura, che lo costringono così a rincorrere gli avversari.

#57 Parlato sv

Tabellino

Zerini, Ragland 7, Green 3, Esposito, Leunen 5, Cusin 3, Severini 2, Randolph 9, Obasohan 6, Fesenko 5, Thomas 13, Parlato