Taccone a Contatto Sport: “Programmazione Triennale per l’Avellino Calcio”

Intervenuto come ospite negli studi di Contatto Sport a Prima Tivvu, il patron biancoverde Walter Taccone ha affrontato vari temi.

Il primo è un rimprovero per i giocatori dell’Avellino dopo la sconfitta contro la Virtus Entella: “Qualcuno pensava di andare a fare il bagno a Chiavari invece di andare a giocare la partita. La colpa non è del mister, che voleva fare bella figura, evidentemente i calciatori non la pensavano così. Dopo il 2-0 ho cambiato canale, e poi ho saputo che prendevamo altri gol. Partita da cancellare completamente. Prenderemo provvedimenti a fine stagione, che riguarderanno i calciatori. Vedremo insieme ai direttori a chi offrire un rinnovo del contratto e a chi no”.

Capitolo allenatore“Attilio Tesser è il nostro allenatore fino al 30 giugno, faremo con lui una valutazione. A giugno partirà una riprogrammazione che non abbiamo fatto la scorsa stagione, purtroppo. Era preferibile fare un contratto lungo a Tesser e ad alcuni giocatori. Lo abbiamo fatto con moderazione, dovuto al fatto che quest’anno abbiamo avuto degli ingaggi sostanziosi e abbiamo speso di più rispetto agli anni scorsi”.

Sul lato economico e la programmazione: “Il nostro budget è di nove milioni e mezzo. Ne prendiamo quattro dalla Lega B, e altri da incassi e sponsor. Il resto l’abbiamo messo noi. Fatevi un paio di conti e vedete se la persona che viene allo stadio ha il diritto di contestare la società sul lato economico. I tifosi possono farlo sui risultati e sugli errori commessi, ma lasciateci almeno la credibilità professionale. Quando è venuto Rastelli abbiamo fatto una programmazione di tre anni e gli avevamo chiesto di portare la squadra in Serie B nei tre anni. È riuscito a farlo in un solo anno. Raggiunto l’obiettivo ci siamo assestati, questa è programmazione. Quest’anno è finito un ciclo con l’addio di Rastelli, e abbiamo cambiato anche molti calciatori, molti di essi li abbiamo acquistati sotto consiglio di Massimo. Tesser ha cercato di amalgamare la squadra per come poteva. Il gioco di Rastelli è stato proficuo, ma tra virgolette era palla lunga e pedalare e meglio non prenderle. Il nostro obiettivo con Rastelli sarebbe stato migliorare l’ottavo posto, con il cambio di allenatore è diventato mantenere la categoria. Da quest’anno cercheremo di fare una programmazione triennale, per mister, calciatori e direttori”.

Potrebbe interessarti:

About Sanji 1721 Articoli
Si dice che Dio crei le pietanze e il diavolo ci metta le spezie... ma forse questo piatto era un po' troppo piccante per te.