Thohir vende quote dell’Inter ai cinesi?

Thohir vende quote dell’Inter ai cinesi? Ecco tutta la verità. Se il campionato dovesse finire senza la qualificazione nell’Europa che conta, situazione sempre più probabile dopo la partita contro il Torino, la squadra di Mancini farà a meno di quei soldi che tanto sarebbero serviti per i nuovi innesti di qualità, di cui tanto ha bisogno! Ma, se da un lato il bilancio sarà di nuovo la bestia nera che potrebbe limitare le manovre del tycoon indonesiano, la soluzione è proprio dietro l’angolo!

Thohir, tornato a Giacarta, segue scrupolosamente le trattative che potrebbero portare alla cessione di una quota di minoranza a dei gruppi cinesi. Moratti non sta certo a guardare, ed anche lui sonda nuove possibili soci di minoranza. Ci sono già delle trattative in atto; Thohir è in contatto con il Suning Commerce Group, uno dei più grandi rivenditori di elettronica in Cina. Per essere chiari una sorta di Mediaworld o Unieuro cinese con anche una piattaforma di e-commerce decisamente sviluppata (nella top-3 delle migliori in Cina). Prima esperienza nell’ambito del calcio? Assolutamente no! Lo scorso dicembre infatti il Suning Commerce Groupo ha acquistato per circa 73 milioni di euro la squadra di calcio di Jiangsu.

Un club che gli appassionati di calciomercato hanno già imparato a conoscere. Infatti tra gli acquisti esteri spiccano i nomi di Alex Teixeira dallo Shakhtar Donetsk per 50 milioni di euro e Ramires dal Chelsea per 28. Moratti invece si è informato a proposito di un gruppo legato (o controllato) in qualche modo alla ChemChina da un anno proprietaria della maggioranza della Pirelli. Ma attenzione, Thohir ha messo ben in chiaro una condizione: almeno per ora si tratta solo per quote di minoranza. Per quanto riguarda il futuro, potrebbero esserci acquisizione di un numero maggiore di quote da parte dei cinesi, nel caso in cui ci fossero degli sviluppi.

Potrebbe interessarti: