Volley Femminile: l’Italia batte il Giappone e si qualifica alle Olimpiadi di Rio 2016

Foto Federvolley Marika Torcivia

L’Italia batte il Giappone 3-2 nel penultimo incontro del Preolimpico di Tokyo 2016 e stacca il biglietto per le Olimpiadi di Rio.

L’Italia scende in campo contro la squadra di casa, subito dopo la sconfitta contro l’Olanda, alla ricerca del riscatto. Agguerrite e concentrate le Azzurre di Bonitta capitanate da un’implacabile e infinita Antonella Del Core, dopo un difficile primo set, conquistano però i due successivi fondamentali alla matematica qualificazione. Domani alle 8.30 l’ultimo match contro il Kazakistan.

Bonitta sceglie il sestetto tipico con Orro in cabina di regia e Ortolani opposto; Sylla e Del Core in posto quattro; Chirichella e Guiggi al centro; De Gennaro libero.

LA PARTITA – Le sfide tra Italia e Giappone ci hanno abituato da sempre a match lunghi, gli scambi intensi in apertura del set confermano la tendenza. Le Azzurre appaiono concentrate e si guadagnano il primo mini break con una prorompente Sylla (3-5). Le nipponiche però pareggiano i conti affidandosi a Shimamura e al capitano Saori Kimura che impattano il pareggio e superano l’Italia (9-8), ci pensa però Del Core che di cinismo trova la parità. Le imprecisioni in ricezione delle Azzurre favoriscono la squadra di casa che, spinta anche da un pubblico caldo ed entusiasta, prova a scappare via (18-14). Bonitta chiede di più alle attaccanti, tenta il cambio di Centoni per Ortolani. Guiggi dai nove metri innesca e completa la rimonta (18 pari), l’Italia ritrova continuità in attacco (18-20), ma non basta, l’aggressività delle giapponesi in difesa le riporta sul 21 pari. L’ultima fase del parziale è una vera battaglia, ci prova Sylla a neutralizzare il primo set point delle nipponiche (24-23). Il servizio di Chirichella però si spegne in rete 25-23.

Nel secondo parziale l’Italia soffre ancora troppo in ricezione e la potenza in attacco viene spesso neutralizzata dalle capacità difensive delle ragazze di Manabe, ma le Azzurre, capitanate dalla tenacia di Del Core e Sylla non mollano e trovano un buon vantaggio (8-11). Le giapponesi provano a rientrare, ma il muro azzurro con Chirichella prima e Centoni poi respinge l’assalto (11-14). Orro chiama prima Guiggi che non delude le aspettative e poi innesca la potenza di Sylla (15-16). Nel corridoio finale del set trova spazio anche Egonu, un finale al cardiopalma tra punti decisivi e capovolgimenti di fronte, ci pensa però proprio la neo entrata Egonu a siglare il punto che vale il set 25-27.

Nel terzo set Bonitta mantiene Egonu in campo, ma sono la classe e la precisione chirurgica di Saori Kimura ad la formazione nipponica trova subito un buon vantaggio (9-6). Del Core suona la carica prima in attacco e poi a muro e l’Italia si porta ad una sola lunghezza di distanza (11-10). Orro prova ad affidarsi alle sue centrali prima con Guiggi e poi con Chirichella che non deludono le attese (19-17). Sylla si accende ancora e porta l’Italia ad una sola lunghezza (23-22). Poi ci pensa Chirichella a completare la rimonta prima a muro e poi in attacco, siglando il punto fondamentale (25-27) quello che vale il pass olimpico per Rio 2016.

Il quarto parziale vede l’Italia galvanizzata per aver raggiunto il risultato sperato, e rilassata tanto da permettere al Giappone di scappare. Le Azzurre provano a rientrare, con Del Core ancora protagonista. Il Giappone si affida ancora al suo capitano, Saori Kimura e conquista il quarto set (25-21).

Tie break – quinto set prevedibile per questo match che non ha mai preso una direzione precisa. L’Italia ha però intenzioze di siglare al meglio il traguardo raggiunto, conquistando il match (9-15).

GIAPPONE – ITALIA 2-3 (25-23; 25-27; 25-27; 25-21; 9-15)

TABELLINI

Giappone: Sakoda 5, Ishii 10, Kimura 31, Araki 8, Nagaoka 14, Yamaguchi 1, Koga 1, Miyashita 3, Sato (L), Nabeya 5, Shimamura 8, Maruyama (L), Zayasu, Tashiro. All. Manabe

Italia: Ortolani 2, Malinov ne, Orro 4, De Gennaro (L), Guiggi 9, Gennari, Centoni 3, Chirichella 15, Piccinini ne, Del Core 22, Sylla 18, Egonu 18, Sirressi (L), Danesi ne. All. Bonitta

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY QUI

About Rita Salvati 149 Articoli
Studentessa di Scienze Politiche, soffre di una dipendenza da letture e canzoni tristi. Di solito scrive per non essere letta ora decide di farsi leggere da qualcuno. Non che questo sia un bene. Ama la TV ed ogni genere di sport, sì, anche il curling.
Contact: Facebook