Volley Femminile, Semifinali Playoff: Bergamo vince 3-1 a Piacenza, si decide tutto a gara 3

Gara 2 delle semifinali Playoff scudetto si conclude con la vittoria della Foppapedretti Bergamo per 3-1 ai danni della compagine di casa, la Nordmeccanica Piacenza. Sarà quindi necessaria Gara 3 (domenica 24 alle 20.30 visibile in chiaro su Raisport 2) per stabilire la squadra che incontrerà Conegliano in finale. Le mura amiche non sorridono alle piacentine, che pagano a caro prezzo qualche disattenzione di troppo, e devono arrendersi alla determinazione delle bergamasche, che grazie ad una prova maiuscola in fase difensiva si portano a casa l’incontro.

Gaspari opta per il sestetto classico con Ognjenovic al palleggio e Sorokaite opposto a completare la diagonale; Belien e Bauer al centro; Meijners e Marcon in posto quattro; Leonardi libero.

Lavarini schiera Lo Bianco al palleggio e Barun opposto; dopo qualche prestazione opaca di Aelbrecht la scelta ricade su Durisic e Paggi centrali; Gennari e Plak schiacciatrici di banda; libero Cardullo.

Parte aggressiva Bergamo dimostrando molta voglia di riscattarsi, ma la reazione di Piacenza non si da attendere e con Meijners dai nove metri pareggia i conti sul 5 pari. La Foppapedretti, dopo il fuoco di paglia iniziale, è costretta ad inseguire sin da subito (12-10). Il muro piacentino continua a funzionare con grande puntualità, soprattutto con Belien (4 muri nel primo set). La ricezione delle bergamasche fa fatica, e le soluzioni efficaci in attacco latitano, e a causa di qualche errore di troppo lasciano scappare le avversarie (17-12). Piacenza cerca di amministrare il vantaggio, ma la Foppapedretti è a caccia della risalita, Lavarini prova ad inserire Sylla per Plak, che non riesce ad entrare in partita. Ed è proprio Sylla a dare respiro all’attacco di Bergamo che accorcia pericolosamente le distanze (21-19). Ma è Meijners a premere il piede sull’acceleratore e a guidare le compagne alla vittoria prima siglando un ace e poi chiamata in pipe da Ognjenovic (25-21).

Bergamo rientra in campo nel secondo set concentrata e con maggiore attenzione in fase difensiva. Lavarini conferma l’ingresso di Sylla e Aelbrecht. Barun in trance agonistica firma dai nove metri il primo vantaggio del set (6-9), prova quindi ad allungare, ma le piacentine non mollano e pareggiano i conti sul 12 con Bauer perentoria in fast. Lo Bianco si appoggia ancora alle implacabili quanto spietate Barun e Sylla (15-17). Piacenza non riesce a trovare continuità e perde lucidità in fase offensiva. L’allungo decisivo per la Foppapedretti arriva dai muri di Paggi e Aelbrecht che mettono un freno all’attacco piacentino. Le ragazze di Lavarini in volata chiudono il set 19-25, pareggiando i conti e lasciando a Sylla l’onore di siglare l’ultimo punto.

L’avvio distratto di Piacenza nel terzo set permette a Bergamo di tentare una prima fuga sul 4-1. La reazione della Nordmeccanica arriva da Marcon che con precisione chirurgica in attacco e a muro riavvicina le sue (4-6). La Foppapedretti mantiene ancora le distanze e allunga sulle avversarie (8-12). Grande difficoltà in difesa per le piacentine, che non sembrano reagire alle veementi giocate di Sylla e compagne (12-16). Ognjenovic prova ad innescare le centrali, ma non basta e Bergamo firma il massimo vantaggio sulle avversarie (13-20). Cambio in regia per la Nordmeccanica con Petrucci per Ognjenovic. Piacenza prova a ricostruire con Belien in fast e con Meijners al servizio e accorcia le distanze (17-21). Ma è ancora l’aggressività di Bergamo ad avere la meglio, con Paggi che a muro tarpa le ali a Marcon (19-25).

Il quarto set è decisivo Piacenza, potrebbe conquistare la finale con Conegliano, e Bergamo riaprire i giochi. Forte dei due parziali persi la squadra di Gaspari deve ritrovare l’entusiasmo è ritmo di gioco, costruisce un buon break ed è avanti al primo time out tecnico (8-6). Le bergamasche non perdono un colpo e rimangono in agguato, in attesa che Piacenza abbassi la guardia. La Nordmeccanica, solida in ricezione, permette ad Ognjenovic di innescare le sue centrali (16-14). Nell’ultima frazione del parziale si procede gomito a gomito, con le piacentine che tentano di tenere salda la lunghezza di vantaggio. La Foppapedretti impatta la parità sul 23 ed è poi un errore di Marcon, tradita dalla sua consueta precisione, a concludere il match in favore di Bergamo (23-25).

NORDMECCANICA PIACENZA – FOPPAPEDRETTI BERGAMO  1-3 (25-21; 19-25; 19-25; 23-25)
NORDMECCANICA PIACENZA: Sorokaite 15, Valeriano ne, Belien 14, Bauer 10, Leonardi (L), Marcon 10, Bianchini, Melandri ne, Petrucci, Pascucci, Meijners 15, Taborelli ne, Ognjenovic 1. All. Gaspari.
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori, Plak 3, Frigo ne, Gennari 14, Cardullo (L), Aelbrecht 5, Paggi 9, Barun 21, Lo Bianco 2, Durisic 3, Mambelli ne, Sylla 18. All. Lavarini.

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY QUI

About Rita Salvati 176 Articoli
Studentessa di Scienze Politiche, soffre di una dipendenza da letture e canzoni tristi. Di solito scrive per non essere letta ora decide di farsi leggere da qualcuno. Non che questo sia un bene. Ama la TV ed ogni genere di sport, sì, anche il curling.
Contact: Facebook