Volley, Finale Playoff: tutto facile per Modena in gara 1, 3-0 contro Perugia

Modena mette il sigillo sulla prima gara di finale scudetto con un secco 3-0 che non ammette diritto di replica. L’arma in più dei canarini è stata sicuramente la battuta, sempre incisiva ed efficace, come dimostrano i numerosi ace (14 totali di squadra), mentre Perugia non ha trovato la chiave di volta per contrastare Modena, complice anche la ricezione ballerina dei Block Devils.

Lorenzetti manda in campo Bruno in cabina di regia, Vettori opposto, Petric ed Ngapeth di banda, Bossi e Lucas al centro, Rossini libero. Kovac risponde con De Cecco al palleggio, Atanasijevic all’opposto, Kaliberda e Russell schiacciatori, Buti e Birarelli centrali e Giovi libero.

Perugia parte subito forte, piazzando un break di due punti con un muro su Vettori (5-3) e mantiene il distacco, che aumenta con un ace di De Cecco (8-5). Lucas in battuta cambia il volto del set: con tre aces consecutivi taglia le gambe ai perugini (14-13), che entrano in confusione, come dimostrano i due muri di Vettori su Russell (16-13). Modena comincia così a spingere in battuta e trova ace importanti (prima Petric, poi Sartoretti, per il 21-17) e Perugia non è più capace di ricucire lo strappo (25-19).

Nel secondo parziale Modena stacca fin dall’inizio i Block Devils (6-3), approfittando della ricezione maldestra della metà campo perugina. I canarini scappano via: Ngapeth mura Atanasijevic (in quel momento unico terminale offensivo di Perugia), Birarelli spedisce un attacco out e la distanza tra le due squadre diventa importante (11-5). Buti prova a rimettere i suoi in corsa fermando Petric e firmando un primo tempo (17-13), ma una decisione arbitrale contestata da Kovac si trasforma in un cartellino rosso per l’allenatore serbo (20-15): tra le fila di Perugia regna il caos e Modena ringrazia e va a vincere (25-17).

Il terzo set i perugini tornano in campo con tutto un altro spirito e giocano alla pari con i gialli, staccandoli quasi subito con De Cecco che mura Petric (4-2), capaci di mantenere il vantaggio di due punti fino a  metà parziale. Un ace di Vettori riporta la parità (13-13), da cui scaturisce un punto a punto sul filo del rasoio. Bruno segna l’andamento della gara: prima sorprende la difesa degli avversari con una palla di seconda intenzione, poi costringe De Cecco a un’invasione per colpa di una brutta ricezione (18-16 in favore di Modena). Il finale del set è infuocato: Perugia trova il pareggio con un errore in attacco di Bossi (21-21) e rimane attaccata alla speranza di riaprire la partita. Il lavoro del videocheck è essenziale in questo frangente di gioco, perché più volte è chiamato in causa e cambia le decisioni arbitrali: è il caso della palla che dà la vittoria a Modena, poi decisa contesa dagli arbitri. Ci pensa però Lucas a rompere gli indugi con un primo tempo imprendibile e un ace che regala la vittoria ai suoi (27-25).

Modena ha dimostrato di avere qualcosa in più di Perugia, che ha faticato per l’intera partita, nonostante abbia fatto vedere sprazzi di pallavolo di alto livello. Ai Block Devils servirà, però, più ordine e concentrazione per poter riaprire la serie giovedì prossimo, in gara 2, dove il PalaEvangelisti sarà un importante alleato di De Cecco e compagni.

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA

About Silvia Viola 58 Articoli
Laureata in scienze della comunicazione a Torino, anche se non ha ancora deciso cosa vuole fare da grande. Aspirante blogger, aspirante scrittrice, insomma, sempre con una penna in mano o davanti a una tastiera. La sua passione più grande è la pallavolo e ha deciso di passare da essere protagonista in campo a viverla attraverso le parole.