Volley maschile, World League 2016: Italia sconfitta 3-0 dalla Francia, che conquista il bronzo

Fonte foto: Federazione Italiana Pallavolo

La corsa dell’Italia in questa Final Six di World League volge al termine e si spegne, per mano della Francia di Laurent Tillie, che pur non esprimendosi al meglio soffoca ogni speranza degli Azzurri di raggiungere la medaglia di bronzo. Non bastano all’Italia i numerosi errori dei transalpini, e neanche l’entusiasmo degli uomini solitamente relegati in panchina, per stravolgere una sfida non impossibile ma a cui è mancato l’agonismo.

Blengini, dopo la sconfitta patita ieri contro la Serbia, si affida ai suoi uomini migliori e preferisce ancora Zaytsev in posto due a completare la diagonale con Giannelli in regia; Juantorena e Lanza sono gli schiaccitori scelti; il reparto centrali è occupato da Birarelli e Piano; Colaci a presidiare la seconda linea.

Tillie cambia qualcosa dopo le fatiche brasiliane, in cabina di regia sceglie l’esperienza di Pujol, in coppia con Rouzier, migliore realizzatore in semifinale contro i verdeoro; Le Roux e Le Goff sono i centrali scelti per la lettura delle intenzioni avversarie; in posto quattro si affida a Marechal e N’Gapeth; il libero è Grebennikov.

Nel primo set comincia bene l’Italia, con attenzione e intelligenza tallona la corsa dei transalpini ed anticipa bene a muro le scelte di Pujol, che non gode del respiro creativo di Toniutti e che poco può rispetto l’invadenza di Birarelli e Piano. Giannelli dal canto suo gestisce con rapidità i suoi centrali e rende credibile il gioco in pipe con Juantorena e Lanza. Il parziale continua a muoversi sul filo dell’equilibrio, nel corridoio finale Giannelli cambia marcia e di seconda intenzione porta l’Italia sul 22-21, trovando un vantaggio, di misura, ma necessario. Gli Azzurri però vengono traditi dalla poca continuità al servizio, e non riescono ad organizzare un buon break, i transalpini trovano prima il pareggio e  poi chiudono il set in volata con la furia offensiva di N’Gapeth (23-25).

Nel secondo set l’Italia ci riprova e, complici gli errori di Marechal, trova un buon vantaggio in avvio (6-4), ma deve respingere gli assalti – neanche troppo irresistibili – dei transalpini che, nonostante i numerosi errori al servizio, non faticano a rimanere alle costole di Birarelli e compagni. L’Italia ci mette del suo e dilapida il vantaggio ottenuto dal break al servizio di Giannelli (20 pari), nella frazione finale trova spazio anche Antonov, che preleva uno spento Juantorena. Gli Azzurri offrono ancora il fianco in ricezione e la Francia concretizza (21-25).

Ultima chiamata per gli uomini di Blengini, che conferma Antonov in sestetto. Giannelli continua a non trovare soluzioni efficaci dai suoi attaccanti, costantemente neutralizzati dall’impenetrabile difesa francese, il CT azzurro non può far altro che preparare l’ingresso di Vettori, che preleva un Zaytsev poco lucido in fase offensiva. Gli Azzurri sono sempre costretti ad inseguire, e nonostante il positivo rush finale di Antonov in attacco, e di Vettori dai nove metri, il sogno italiano si spegne e consegna il bronzo alla Francia (20-25).

ITALIA: Zaytsev 8, Juantorena 6, Piano 7, Birarelli 5, Giannelli 5, Lanza, Sottile ne, Vettori 1, Rossini ne, Maruotti ne, Buti ne, Cester, Antonov 4, Colaci (L). All. Blengini

FRANCIA: N’Gapeth 13, Rouzier 14, Marechal 10, Le Roux 6, Pujol 5, Le Goff 6, Grebennikov (L), Clevenot ne, Toniutti ne, Tillie (L), Lyneel, D’almeida ne, Lafitte ne, Rossard ne. All. Tillie

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

 

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA

About Rita Salvati 148 Articoli
Studentessa di Scienze Politiche, soffre di una dipendenza da letture e canzoni tristi. Di solito scrive per non essere letta ora decide di farsi leggere da qualcuno. Non che questo sia un bene. Ama la TV ed ogni genere di sport, sì, anche il curling.
Contact: Facebook