Volley – Playoff Scudetto: Trento rimonta fallita, Modena in finale

Foto Trabalza

È Modena la seconda finalista di questi Playoff scudetto. I gialli di Lorenzetti battono Trento in quattro gare, chiudendo la serie davanti al pubblico avversario del PalaTrento. In un palazzetto accomunato dai colori giallo e blu, i ragazzi di Stoychev provano con tutte le loro forze a conquistare la partita per agganciare la rimonta. Remuntada fallita: i campioni d’Italia in carica cedono il match e lo stemma sul petto. Saranno Modena e Perugia a contendersi il tricolore in finale.

STARTING SIX

Nel 6+1 iniziale Stoychev mette in campo ancora una volta una formazione d’emergenza: Kazyski spostato in posto 2 da opposto in diagonale con Giannelli, Van de Voorde e Solè centrali, Antonov e Urnaut in posto 4 e Colaci libero.

Lorenzetti invece può tornare a contare sulla solidità di Petric e lo schiera nel sestetto iniziale affiancato in banda da N’gapeth, Bruno al palleggio con Vettori opposto, Lucas al centro con Bossi e Rossini libero.

IL MATCH

petric-giannelli-muro-playoff
Foto Trabalza

Nel primo set Trento scava subito un buon break sul 4-0 complice una Modena piuttosto distratta in attacco che subisce molto il muro dei trentini. Muro impenetrabile per gli attaccanti emiliani sui quali si abbassa una vera e propria saracinesca. Al time out tecnico, grazie ad un primo tempo di Sole’, Trento è avanti 12-7. Modena insegue e nonostante soffra il continuo martellare dolomitico al servizio e in attacco riesce a rosicchiare punti: grazie a Vettori raggiunge gli avversari sul 24-24 e sempre con Vettori firma il sorpasso ai vantaggi (25-26). È Bossi a chiudere il set in favore dei gialli, con un muro su Urnaut (25-27).

Secondo set più equilibrato: le squadre si inseguono punto a punto senza sosta, poi, è nuovamente Trento a cercare e trovare il break di vantaggio e trascinata dal kaiser Kaziyski porta le compagini al time out tecnico 12-8.  Per tutto il set i gialloblu della Diatec conducono in scioltezza trattenendo un break di vantaggio. Modena non trova l’aggancio e con l’errore in battuta di Nikic consegna il set agli avversari 25-21.

Nel terzo set è Modena a partire forte con un Vettori col mantello da supereroe; sul 3-7 per i Gialli Stoychev è costretto a fermare il gioco, chiedendo il time out. La DHL continua instancabile la sua corsa al set con i trentini ad inseguire, ed è in vantaggio anche al time out tecnico, 12-7. Sembra essersi spenta la luce in casa dei campioni in carica che falliscono l’aggancio, subendo per tratti anche il +7, e in balìa di N’Gapeth e Lucas cedono il terzo parziale 20-25.

lucas-vandevoorde-muro-volley
Foto Trabalza

Ancora partenza sprint anche nel quarto parziale per i Gialli con N’Gapeth, fino a quel momento poco chiamato in causa, che fa tutto da solo: 5-8 nelle prime battute del set e 8-12 al time out tecnico grazie ad un errore in battuta dell’argentino Sebastian Sole’. Il set si gioca tra N’Gapeth e Trento: il francese è servito al meglio dal suo palleggiatore che lo interpella in tutte le azioni d’attacco trovandolo sempre pronto ed inesorabilmente efficace. La Diatec non può fare altro che arrendersi allo strapotere della coppia franco-brasiliana e consegnare parziale e match alla DHL che si aggiudica la vittoria per 3-1.

Modena vola in finale dove troverà ad attenderla una Perugia guerriera che ha battuto in quattro match la Lube, regina della Regular Season ma protagonista di un cammino nei playoff davvero opaco.

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA

Potrebbe interessarti 

About Ilaria La Rosa 154 Articoli
Classe 1990, napoletana stanziata a Parma. Aspirante blogger, aspirante fotografa, aspirante essere umano. Tutto in via di perfezionamento. Si nutre di musica e parole (specie se provengono da libri e serie tv). Appassionata di qualunque sport si giochi con un pallone, con una spiccata predilezione per la pallavolo.
Contact: Facebook