Volley, Superlega Play Off: Modena vince gara2, finale ipotecata?

La fortezza del PalaTrento si sgretola nel momento più importante della stagione: non basta un pubblico caldo, caloroso, che non smette mai di incitare i propri eroi. Modena ha la meglio, dopo una battaglia durata più di due ore, e si porta sul 2-0 della serie, giocandosi il tutto per tutto tra otto giorni al PalaPanini.

Stoytchev schiera Giannelli in cabina di regia, Djuric opposto, Urnaut e Kaziyski coppia di bande, Daniele Mazzone e Solè al centro, Colaci libero. Lorenzetti risponde con il suo sestetto tipo: Bruno e Vettori in diagonale palleggiatore-opposto, Nikic e Ngapeth schiacciatori, Bossi e Lucas centrali e Rossini libero.

Il primo set Trento stacca subito Modena con un buon lavoro di muro e battuta (8-5), ma i canarini si rifanno sotto grazie a un check che fotografa un ace di Nikic (10-9). Trento torna avanti e spacca il set con la buona battuta di Urnaut che manda in crisi lo la ricezione dello schiacciatore serbo (17-9). Modena si riavvicina sul finale del set con Ngapeth (23-20), ma Djuric mette fine ai giochi murando una palla vagante (25-21).

Il secondo parziale è piuttosto equilibrato, ma Modena conserva sempre due punti di distacco di sicurezza, fino a quando Lucas mura Djuric e i punti di vantaggio per i canarini diventano quattro (16-12). Trento cerca di stare in scia, ma un ace di Lucas spezza il fiato ai dolomitici (21-15) ed è Ngapeth a spegnere ogni speranza dei padroni di casa (25-17).

.trento-semifinale-pallavolo-maschile

La partita prosegue con le due compagini che giocano alla pari e il punteggio lo racconta: è punto a punto fino quando Kaziyski chiude un’azione lunga e firma il +2 (13-11), vantaggio che Trento mantiene fino alla parte finale del set, dove una battuta sbagliata di Modena prima e un ace di Mazzone poi (23-19) segnano in modo indelebile il parziale. Ci pensa Nikic, con un errore in battuta, a consegnare a Trento la vittoria per 25-21.

Inizio catastrofico per Trento nel quarto venticinque: un’invasione di Djuric e un fallo di Giannelli in palleggio mandano in confusione la squadra (6-1). Kaziyski tenta di ricucire lo strappo con un ace (6-3), ma Modena rimane avanti (17-13). Trento prova nuovamente l’aggancio con Solè che ferma Vettori (21-19), ma Ngapeth ci mette lo zampino (23-19). La Diatec sussulta ancora una volta con un muro del centrale argentino su Bossi (24-22), ma ormai è tardi e Modena porta la partita sul 2-2 (25-22).

Il tie break è segnato in negativo da Kaziyski che, insolitamente, sbaglia i primi palloni (3-1), lasciando che Modena si esalti in attacco (5-2). Trento si rifà sotto con un check che cambia la decisione arbitrale (7-6), ma Ngapeth in attacco e Lucas a muro permettono ai gialli di riportarsi in vantaggio (9-6). Il francese allunga con un ace (12-9), Kaziyski prova a suonare la carica per i suoi (13-12), ma prima Bossi poi il solito Ngapeth spezzano le reni a Trento (15-12).

La strada della società di via Trener verso la finale si fa davvero complessa: Modena è avanti per 2-0 e avrà l’occasione di chiudere la serie davanti al proprio pubblico, in un PalaPanini nel quale è difficilissimo vincere. I canarini si aggrappano al gioco estroso di Ngapeth, che premia la fiducia di Bruno, dimostrandosi quasi infermabile. Trento, per contro, fatica a trovare il proprio ritmo di gioco, la ricezione è in affanno e Urnaut e Kazyiski appaiono di nuovo opachi; stesso discorso per Djuric, che fatica in attacco e non riesce ad essere una sicurezza per Giannelli.

Sarà capace, Trento, di trovare la forza e la determinazione giusta per tentare l’impresa al PalaPanini e riaprire la serie?

TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY QUI

About Silvia Viola 59 Articoli
Laureata in scienze della comunicazione a Torino, anche se non ha ancora deciso cosa vuole fare da grande. Aspirante blogger, aspirante scrittrice, insomma, sempre con una penna in mano o davanti a una tastiera. La sua passione più grande è la pallavolo e ha deciso di passare da essere protagonista in campo a viverla attraverso le parole.