Volley, SuperLega spettatori in aumento: effetto Olimpiadi?

PH. FIVB

La pallavolo è uno sport che appartiene a pochi con la vocazione di diventare per molti. Dovrà ricredersi chi si aspettava che il fervore intorno al volley fosse destinato a spegnersi insieme alla fiamma olimpica, perché la Volley-mania non accenna a placarsi.

Il sipario sulla SuperLega 2016/2017 si è aperto domenica, facendo registrare un picco inaspettato di 19.000 spettatori, distribuiti sui sette campi, provocando un aumento del 32% rispetto alla stagione scorsa, per un incremento della media spettatori che va dai 2396 del 2015, ai 2714 del 2016.

La medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio 2016 ha sortito i suoi effetti, restituendo quel sogno olimpico che tempo fa era stato della Generazione dei Fenomeni.
Le Olimpiadi hanno sancito i loro eroi, identificandoli nelle ambizioni di un ventenne, nel sacrificio dei veterani, nella furia muscolare, nelle lacrime dopo la finale persa contro il Brasile, quando il sogno, che sembrava stesse diventando realtà, è stato inghiottito dalla Torcida.

A dare la misura del potenziale di questo sport, spesso bistrattato dagli stessi addetti ai lavori, è stata sicuramente l’epidemia mediatica, lo spazio concesso da giornali e Tv agli autori della cavalcata che ha animato anche i più insospettabili, come Daniele De Rossi, che ha confessato ai microfoni de “La Domenica Sportiva” di essere un vero appassionato, complimentandosi con i due ospiti in studio Ivan Zaytsev e Osmany Juantorena. Proprio i due campioni azzurri, nella trasmissione condotta da Alessandro Antinelli, hanno confessato di non aver ancora superato l’amarezza per aver “solamente” sfiorato l’oro, ma si sono detti contenti di essere stati capaci di allargare la base degli appassionati, fino a fidelizzarli.
Un buon monito in vista dei Mondiali del 2018, organizzati proprio in Italia. Riuscirà il volley femminile a fare lo stesso?

Qui un estratto dell’intervista:

 TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

 

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA

About Rita Salvati 138 Articoli
Studentessa di Scienze Politiche, soffre di una dipendenza da letture e canzoni tristi. Di solito scrive per non essere letta ora decide di farsi leggere da qualcuno. Non che questo sia un bene. Ama la TV ed ogni genere di sport, sì, anche il curling.
Contact: Facebook