Walter Samuel lascia il calcio: l’Argentino che ha costruito il Muro dell’Inter

Ci sono calciatori che sentono sovente il bisogno di dichiarare al primo microfono, alla prima telecamera, tutto l’amore che provano per la maglia che indossano, salvo poi fare prestazioni tutt’altro che memorabili in campo.

Ci sono invece, al contrario, calciatori dei quali a malapena ci si ricorda del loro timbro di voce, schivi come sono a concedersi alle telecamere, ma che poi in campo fanno quasi sempre più del loro dovere. Sono quei calciatori che non hanno bisogno di dichiararlo l’amore per la maglia che indossano, perché parlano attraverso la loro cattiveria e la voglia di sacrificarsi, senza mai risparmiarsi.

Walter Samuel fa parte di questa seconda categoria. Nei 9 anni in cui ha indossato la maglia dell’Inter, sinceramente si fa fatica a ricordarsi di una sola volta nella quale abbia dichiarato amore per il club nerazzurro. Ma questo ai tifosi non è mai importato, perché Samuel ha sempre, appunto, parlato con i fatti, con prestazioni gladiatorie, guidando in maniera impeccabile la difesa nerazzurra e non facendo passare neanche uno spillo. Non di rado, le sue partite sono state impreziosite pure con qualche gol decisivo, come ad esempio quello contro il Siena a San Siro nella memorabile stagione 2009-10, quando, improvvisatosi centravanti, segnò il gol del 4-3 nel recupero che coronò una clamorosa rimonta, visto che i toscani a 5 minuti dalla fine vincevano 3-2.

Adesso, a 38 anni, ha deciso di dire basta col calcio. E credo allora sia doveroso ringraziarlo, a prescindere dal tifo: perché persone vere come lui rappresentano una goccia di speranza in un mondo del calcio sempre meno credibile. Buona fortuna Mitico “The Wall”!

GODITI IL VIDEO DEDICATO A WALTER SAMUEL!

Potrebbero interessarti:

Calciomercato Inter: le possibili cessioni

Inter: tutti gli obiettivi di mercato